la degna sepoltura

Solo nel ‘94, grazie all’impegno di alcuni cittadini, le vittime delle stragi dell’aeroporto trovarono degna sepoltura e la città di Forlì ricordò finalmente la strage.

Di seguito, interventi da un convegno tenutosi a Forlì nel 1991 e gli interventi alla cerimonia di scoprimento della lapide sulla tomba degli ebrei caduti nel ’44.

da Una città n. 13, maggio 1992

PAGINE PER PAGINE,
PERSONE PER PERSONE,
BAMBINI PER BAMBINI


Iniziamo la pubblicazione dei principali interventi della “giornata di ricordo, riparazione e riflessione”, che nel mese di febbraio abbiamo organizzato in collaborazione con l’Associazione di Amicizia Ebraico-Cristiana di Forlì, l’Istituto Storico della Resistenza e l’Associazione Italia-Israele di Cesena, a ricordo delle donne e uomini ebrei caduti a Forlì negli eccidi del settembre ’44.

Li­lia­na Pic­ciot­to Far­gion la­vo­ra al cen­tro di Do­cu­men­ta­zio­ne Ebrai­co di Mi­la­no ed è au­tri­ce de “Il li­bro del­la me­mo­ria”, l’e­len­co di tut­ti gli Ebrei de­por­ta­ti dal­l’I­ta­lia nel 43-45. Gian­ni So­fri è do­cen­te di Sto­ria al­l’U­ni­ver­si­tà di Bo­lo­gna. Nei pros­si­mi nu­me­ri pub­bli­che­re­mo al­tri in­ter­ven­ti, fra cui quel­lo di En­ri­co Dea­glio e Fa­bio Le­vi, sul­le leg­gi raz­zia­li e le re­spon­sa­bi­li­tà ita­lia­ne nel­la per­se­cu­zio­ne an­ti­se­mi­ta.

L’in­ter­ven­to di Li­lia­na Pic­ciot­to Far­gion
Vor­rei in­nan­zi tut­to rin­gra­zia­re gli or­ga­niz­za­to­ri di que­sta ma­ni­fe­sta­zio­ne e l’u­ni­ver­si­tà che ci ha ospi­ta­to, per aver­ci da­to la pos­si­bi­li­tà di in­con­tra­re il pub­bli­co di For­lì. Io la­vo­ro co­me ri­cer­ca­tri­ce pres­so un cen­tro stu­di di Mi­la­no che da pa­rec­chi an­ni si è po­sto co­me fi­na­li­tà quel­la di cer­ca­re di ri­co­strui­re l’am­bien­te e i no­mi del­le per­so­ne ar­re­sta­te e scom­par­se in Ita­lia du­ran­te l’oc­cu­pa­zio­ne te­de­sca e la Re­pub­bli­ca So­cia­le Ita­lia­na, tra il ’43 e il ’45. Que­sto la­vo­ro fu ini­zia­to da uno sto­ri­co fran­ce­se, Ser­ge Karl­feld che ne­gli an­ni ‘7O si mi­se in te­sta di ri­co­strui­re l’e­len­co esat­to de­gli ebrei che, dal­la Fran­cia, era­no scom­par­si nel nul­la. Si par­la­va di cen­to­mi­la per­so­ne di cui non si ave­va­no più trac­ce ma non c’e­ra nes­sun la­vo­ro or­ga­ni­co che ri­co­struis­se il lo­ro de­sti­no. Ri­cer­che di que­sto ge­ne­re fu­ro­no fat­te in se­gui­to an­che in Bel­gio, in Olan­da, in Ger­ma­nia, per la par­te ex-fe­de­ra­le, ed ora è sta­ta con­clu­sa an­che in Ita­lia. In que­sto la­vo­ro ho spe­so tre­di­ci an­ni del­la mia vi­ta, ma era un la­vo­ro che era già ini­zia­to ben pri­ma di me. La fi­na­li­tà prin­ci­pa­le -che ne è an­che una let­tu­ra un po’ mo­ra­le- è quel­la di re­sti­tui­re un vol­to, una per­so­na­li­tà, una di­gni­tà a per­so­ne che era­no de­sti­na­te a scom­pa­ri­re nel nul­la. La ri­cer­ca va quin­di nel­l’e­sat­to sen­so con­tra­rio a quel­lo in­te­so dal­le fi­na­li­tà na­zi­ste.
Che co­sa ave­va­no in te­sta i na­zi­sti per gli ebrei d’Eu­ro­pa? Dal I941 in poi, ave­va­no in te­sta di eli­mi­nar­li com­ple­ta­men­te, non so­lo fi­si­ca­men­te, ma eli­mi­nar­ne an­che il ri­cor­do, la me­mo­ria, la cul­tu­ra, i be­ni, le pos­si­bi­li­tà di ge­ne­ra­re fi­gli. Il pro­ce­di­men­to che ven­ne lo­ro ap­pli­ca­to fu stu­dia­to e por­ta­to a ter­mi­ne scien­ti­fi­ca­men­te. Que­sta gi­gan­te­sca im­pre­sa, che i na­zi­sti chia­ma­va­no la “so­lu­zio­ne fi­na­le” del pro­ble­ma ebrai­co, ini­ziò ap­pun­to nel 1941 ed eb­be con­clu­sio­ne so­la­men­te con la li­be­ra­zio­ne del­l’Eu­ro­pa nel 1945. Nel frat­tem­po la mag­gior par­te del­la co­mu­ni­tà ebrai­ca eu­ro­pea fu di­strut­ta.
L’Eu­ro­pa era il luo­go più po­po­lo­so di co­mu­ni­tà ebrai­che; c’e­ra una Po­lo­nia po­po­lo­sis­si­ma di ebrei, si par­la di tre mi­lio­ni di per­so­ne; la Rus­sia in­va­sa dal­le ar­ma­te te­de­sche era pie­na di ebrei e quan­do di­co ebrei, in­ten­do tut­ta la lo­ro cul­tu­ra, il lo­ro mo­do di pen­sa­re, di agi­re, il lo­ro mo­do di rap­por­tar­si al­la so­cie­tà, di leg­ge­re i li­bri, di leg­ge­re la lo­ro tra­di­zio­ne e di pro­spet­ta­re un lo­ro fu­tu­ro. Tut­to ven­ne di­strut­to. La Po­lo­nia di og­gi non ha più nes­su­na me­mo­ria ebrai­ca; era un pae­se che ave­va tre mi­lio­ni di ebrei e og­gi ne ha tre, quat­tro­mi­la. So­no ri­ma­ste po­chis­si­me trac­ce; in quel luo­go, og­gi, si par­la or­mai di ar­cheo­lo­gia.
Quan­do i na­zi­sti oc­cu­pa­ro­no l’I­ta­lia, nel 1943, do­po l’8 set­tem­bre, mi­se­ro in pra­ti­ca quel­lo che ne­gli al­tri pae­si oc­cu­pa­ti era già sta­to pie­na­men­te av­via­to. Nel re­sto del­l’Eu­ro­pa il pro­get­to di ster­mi­nio era già in pie­no svol­gi­men­to. Ci fu­ro­no va­rie fa­si.
Si ini­ziò nel 1941, con le fu­ci­la­zio­ni in mas­sa di in­te­ri vil­lag­gi ebrai­ci nel­la Rus­sia so­vie­ti­ca. Le ar­ma­te te­de­sche che avan­za­va­no per in­va­de­re l’U­nio­ne So­vie­ti­ca ave­va­no al­le spal­le uno spe­cia­le di­stac­ca­men­to, le “ein­sa­tz­grup­pen”, grup­po di as­sal­to spe­cia­le, for­ma­to da fu­ci­lie­ri di pro­fes­sio­ne, ad­de­stra­to al­le fu­ci­la­zio­ni. Ogni vol­ta che ar­ri­va­va­no in un vil­lag­gio, fa­ce­va­no il cen­si­men­to e se­pa­ra­va­no gli ebrei dal re­sto del­la po­po­la­zio­ne. Do­ve­te im­ma­gi­na­re che era una po­po­la­zio­ne as­so­lu­ta­men­te ru­ra­le, mol­to sem­pli­ce, nes­su­no era in gra­do di ela­bo­ra­re, di ca­pi­re, di orien­tar­si be­ne su che co­sa stes­se suc­ce­den­do; stia­mo par­lan­do di pic­co­li vil­lag­gi del­lo sh­ted­tl del­l’U­nio­ne So­vie­ti­ca. Quin­di an­che la do­man­da ozio­sa che mi vie­ne po­sta cer­te vol­te: per­ché non si ri­bel­la­va­no? Non si ri­bel­la­va­no per­ché nes­su­no ave­va ca­pi­to che co­sa stes­se suc­ce­den­do, que­sta è la ve­ri­tà. Que­ste “ein­sa­tz­grup­pen” fe­ce­ro un enor­me ba­gno di san­gue di più di un mi­lio­ne di per­so­ne nel gi­ro di un an­no e que­sta è ma­te­ria do­cu­men­ta­ta; tut­ti i ten­ta­ti­vi dei re­vi­sio­ni­sti, di que­sti sto­ri­ci co­sid­det­ti re­vi­sio­ni­sti, che osa­no ne­ga­re la real­tà dei fat­ti, so­no as­so­lu­ta­men­te una men­zo­gna pre­te­stuo­sa: ri­man­go­no le re­la­zio­ni che i ca­pi del­le “ein­sa­tz­grup­pen” ogni se­ra man­da­va­no a Ber­li­no sul­la quan­ti­tà di gen­te che era­no riu­sci­ti ad uc­ci­de­re in quel gior­no; ci so­no dei fil­ma­ti, ci so­no del­le fo­to­gra­fie. Do­po que­sta pri­ma fa­se del­la co­sid­det­ta so­lu­zio­ne fi­na­le, una fa­se, per co­sì di­re, sel­vag­gia, ce ne fu una se­con­da più pen­sa­ta, più po­li­ti­ca­men­te mi­ra­ta, e fu la fa­se del­la “ghet­tiz­za­zio­ne”, del­la riu­nio­ne den­tro i ghet­ti de­gli ebrei di tut­ti i pae­si del­l’Eu­ro­pa del­l’e­st. Il pro­ce­di­men­to era que­sto: si riu­ni­va­no pro­gres­si­va­men­te le per­so­ne al­l’in­ter­no di zo­ne se­pa­ra­te del­la cit­tà che ave­va­no del­le mu­ra, dal­le qua­li non po­te­va­no né en­tra­re né usci­re, se non sot­to sor­ve­glian­za te­de­sca; i te­de­schi, dal­l’e­ster­no, ave­va­no nel­le ma­ni la ge­stio­ne del vet­to­va­glia­men­to ge­ne­ra­le, sic­ché po­te­va­no con gran­de agio af­fa­ma­re e de­bi­li­ta­re la po­po­la­zio­ne in­ter­na. Nel gi­ro di sei me­si, nel ’42, ’43, mi­glia­ia di per­so­ne si ri­tro­va­ro­no, al­l’in­ter­no di que­sti ghet­ti – il più fa­mo­so dei qua­li, per la gran­de ri­vol­ta che vi eb­be luo­go, fu il ghet­to di Var­sa­via – a vi­ve­re in con­ti­gui­tà, in pro­mi­scui­tà as­so­lu­te; si par­la di quin­di­ci per­so­ne in una so­la stan­za. Que­ste per­so­ne era­no de­bi­li­ta­te an­che psi­co­lo­gi­ca­men­te. Ad un cer­to pun­to ven­ne mes­sa in at­to la de­por­ta­zio­ne dei ghet­ti ver­so del­le strut­tu­re di ster­mi­nio ap­po­si­ta­men­te crea­te. Ogni ghet­to ave­va nel­le vi­ci­nan­ze, tra i tren­ta e i qua­ran­ta chi­lo­me­tri di di­stan­za, un co­sid­det­to cam­po del­la mor­te, di cui qua­si nes­su­no co­no­sce l’e­si­sten­za. So­no no­mi che non ci so­no no­ti, no­mi po­lac­chi e rus­si, pro­vo a dir­ne qual­cu­no: Tre­blin­ka, Mai­da­nek, Chelm­no, So­bi­bor; era­no cam­pi di ster­mi­nio, in pra­ti­ca dei mat­ta­toi. Per esem­pio, dal ghet­to di Var­sa­via, al mat­ti­no, ve­ni­va­no ca­ri­ca­ti dei tre­ni, ve­ni­va­no da­te del­le pa­gnot­te al­le per­so­ne, ve­ni­va lo­ro det­to che li si por­ta­va fuo­ri per far­li la­vo­ra­re, ve­ni­va­no por­ta­ti a Tre­blin­ka e lì ve­ni­va da­ta lo­ro la mor­te im­me­dia­ta­men­te tra­mi­te del­le ru­di­men­ta­li ca­me­re a gas. Que­sto suc­ce­de­va ogni mat­ti­na. Al po­me­rig­gio i tre­ni ri­tor­na­va­no vuo­ti del­le per­so­ne. Que­sto an­dò avan­ti per sei-set­te me­si, fi­no a quan­do i gio­va­ni del ghet­to di Var­sa­via non co­min­cia­ro­no a pen­sa­re che qual­co­sa non an­da­va, non era pos­si­bi­le che tan­ta gen­te an­das­se a la­vo­ra­re al mat­ti­no e non ri­tor­nas­se la se­ra. Quel­lo fu pro­prio l’i­ni­zio del­la de­ci­sio­ne del­la ri­vol­ta. Que­sti cam­pi del­la mor­te en­tra­ro­no in fun­zio­ne per cir­ca un an­no, un an­no e mez­zo, co­pri­ro­no la fi­ne del 1941 e tut­to il 1942. Era­no strut­tu­re mol­to ru­di­men­ta­li, non era­no sta­te stu­dia­te be­ne: le ca­me­re a gas non era­no ab­ba­stan­za gran­di, qual­che vol­te la mor­te non so­prav­ve­ni­va in fret­ta, non si sa­pe­va co­sa fa­re dei ca­da­ve­ri, co­sì ci fu­ro­no va­rie riu­nio­ni nel­le cen­tra­li ber­li­ne­si del­la po­li­zia, nei va­ri mi­ni­ste­ri de­gli in­ter­ni, per pen­sa­re ad un me­to­do che fos­se più ef­fi­ca­ce, so­prat­tut­to nel­la pre­vi­sio­ne del­la de­por­ta­zio­ne e del­lo ster­mi­nio de­gli ebrei an­che del­l’Eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le.
Dai re­spon­sa­bi­li dei mi­ni­ste­ri te­de­schi do­po que­sta con­fe­ren­za di Gros­ser Wann­see, che eb­be luo­go il 2O gen­na­io del I942, fu de­ci­so che tut­ti gli ebrei d’Eu­ro­pa, i so­prav­vis­su­ti ai ba­gni di san­gue del­la Rus­sia, del­la Po­lo­nia, e an­che quel­li del­l’Eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le, do­ves­se­ro fi­ni­re in un uni­co luo­go.
Fu scel­to Au­sch­wi­tz, in Al­ta Sle­sia, un ter­ri­to­rio po­lac­co pro­tet­to ri­spet­to agli al­lea­ti che in­tan­to sta­va­no com­bat­ten­do con­tro la Ger­ma­nia (dal­la Po­lo­nia dif­fi­cil­men­te tra­pe­la­va­no le no­ti­zie). Que­sto cam­po fun­zio­na­va già, per i pri­gio­nie­ri di guer­ra so­vie­ti­ci e co­me cam­po di pu­ni­zio­ne per i po­lac­chi an­ti­na­zi­sti. In una par­te di que­sto cam­po, chia­ma­ta Bir-ke­nau, a qual­che chi­lo­me­tro di di­stan­za, nel cir­con­da­rio, fu crea­to un gi­gan­te­sco luo­go do­ta­to di tut­ti i mo­der­ni si­ste­mi per da­re la mor­te. Que­sto nuo­vo cam­po si chia­mò Au­sch­wi­tz-Bir­ke­nau. Lì fu­ro­no co­strui­ti, con gran­dis­si­ma ra­pi­di­tà, dei nuo­vi im­pian­ti che con­si­ste­va­no in gi­gan­te­schi sa­lo­ni -chia­mia­mo­li co­sì- che ser­vi­va­no per “ga­sa­re” le per­so­ne; ave­va­no le por­te sta­gne, era sta­to stu­dia­to tut­to il si­ste­ma di ae­ra­zio­ne. Quin­di non so­no re­spon­sa­bi­li so­lo co­lo­ro che or­di­na­ro­no di fa­re que­sto cam­po: ci fu­ro­no schie­re di in­ge­gne­ri che stu­dia­ro­no le strut­tu­re per lo ster­mi­nio, ci fu l’a­zien­da che le co­struì. Que­ste ca­me­re a gas po­te­va­no uc­ci­de­re qual­che mi­glia­io di per­so­ne in una so­la vol­ta, do­po­di­ché i cor­pi ve­ni­va­no cre­ma­ti da de­gli ad­det­ti. Ar­ri­va­va­no ad Au­sch­wi­tz-Bir­ke­nau gior­nal­men­te de­ci­ne di tre­ni da tut­ta Eu­ro­pa; le per­so­ne ve­ni­va­no ar­re­sta­te nei lo­ro luo­ghi di re­si­den­za, dal­la po­li­zia te­de­sca o, in cer­ti ca­si, dal­la po­li­zia lo­ca­le.
E co­sì ve­nia­mo al­l’I­ta­lia.
Chi fu che ar­re­stò que­ste per­so­ne? Chi riu­scì a tro­var­le, a rin­trac­ciar­le? Per­ché an­che que­sto è un pro­ble­ma. Per­ché, men­tre nel­l’Eu­ro­pa del­l’E­st gli ebrei han­no una cul­tu­ra par­ti­co­la­re, una lin­gua par­ti­co­la­re, che è l’y­id­dish, qual­che vol­ta si ve­sto­no an­che in ma­nie­ra par­ti­co­la­re, han­no que­ste bar­be, so­no fa­cil­men­te ri­co­no­sci­bi­li -lo era­no per­lo­me­no quan­do ce n’e­ra­no-, nel­l’Eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le c’e­ra una gran­dis­si­ma in­te­gra­zio­ne, an­che a li­vel­lo di co­stu­mi e di cul­tu­ra, per cui un ebreo che pas­sa­va per la stra­da non era as­so­lu­ta­men­te ri­co­no­sci­bi­le. Per que­sto mo­ti­vo, in tut­ti i pae­si oc­cu­pa­ti, i na­zi­sti si pre­oc­cu­pa­ro­no di ave­re de­gli al­lea­ti. La po­li­zia te­de­sca non era as­so­lu­ta­men­te suf­fi­cien­te per rin­trac­cia­re tut­te le per­so­ne che do­ve­va­no es­se­re ar­re­sta­te, por­tar­le in un cam­po di in­ter­na­men­to e di tran­si­to e, quan­do il lo­ro nu­me­ro era suf­fi­cien­te, man­dar­le ad Au­sch­wi­tz-Bir­ke­nau. Sic­ché, an­che in Ita­lia, la po­li­zia te­de­sca do­vet­te gio­co­for­za ap­pog­giar­si al­la po­li­zia ita­lia­na.
Que­sto la­vo­ro, il re­cu­pe­ro di que­ste per­so­ne, di que­ste per­so­na­li­tà, è, pri­ma di tut­to, un la­vo­ro di ti­po mo­ra­le, ha una va­len­za mo­ra­le pri­ma an­co­ra che sto­rio­gra­fi­ca: quel­la di riu­sci­re a ri­tro­va­re i no­mi di tut­ti co­lo­ro che era­no de­sti­na­ti a scom­pa­ri­re nel nul­la. E’ quin­di un la­vo­ro che va nel sen­so con­tra­rio a quel­lo de­si­de­ra­to dai na­zi­sti, è un la­vo­ro an­ti­na­zi­sta per ec­cel­len­za. E’ inol­tre per noi un ri­chia­mo al­la no­stra co­scien­za, al­la no­stra me­mo­ria e al­la lo­ro me­mo­ria.
Que­sto la­vo­ro è sta­to fat­to per tre­di­ci lun­ghi an­ni, per ar­ri­va­re a que­ste set­te­cen­to pa­gi­ne, che so­no pa­gi­ne os­ses­si­ve, do­len­ti, che con­ten­go­no que­sto elen­co for­se un po’ ri­pe­ti­ti­vo, ma si è vo­lu­to far­lo ri­pe­ti­ti­vo, os­ses­sio­nan­te, os­ses­si­vo, co­sic­ché il let­to­re ab­bia l’i­dea, quan­do apre il li­bro, che an­che in Ita­lia c’è sta­to un gi­gan­te­sco di­sa­stro, che que­ste so­no pa­gi­ne e pa­gi­ne e que­ste so­no per­so­ne e per­so­ne, e que­sti so­no bam­bi­ni e bam­bi­ni.
Nel cor­so di que­sto la­vo­ro il Cen­tro di Do­cu­men­ta­zio­ne Ebrai­ca ha avu­to la pos­si­bi­li­tà di ve­de­re mol­tis­si­mi do­cu­men­ti; per una for­tu­na­ta coin­ci­den­za nel 1971 in Ger­ma­nia ini­ziò il pro­ces­so con­tro un cri­mi­na­le te­de­sco che si era mac­chia­to di cri­mi­ni in Ita­lia, Frie­dri­ch Bos­sham­mer, e la Pro­cu­ra di Sta­to di Ber­li­no chie­se al mio cen­tro stu­di di cer­ca­re tut­te le pro­ve a ca­ri­co per ac­cu­sar­lo. In que­sto mo­do ot­te­nem­mo i per­mes­si di ac­ces­so per gli ar­chi­vi di sta­to, per­mes­si che per al­lo­ra, nel 1970, era as­so­lu­ta­men­te im­pos­si­bi­le ot­te­ne­re. Co­sì riu­scim­mo a ve­de­re i fon­di del­la que­stu­ra e del­la pre­fet­tu­ra di va­ri ar­chi­vi di sta­to pe­ri­fe­ri­ci. Ri­cer­can­do le pro­ve a ca­ri­co di que­sto per­se­cu­to­re, ri­tro­vam­mo cen­ti­na­ia di do­cu­men­ti e mol­tis­si­mi era­no or­di­ni di ar­re­sto di que­sto o di quel­l’e­breo nel­le va­rie pro­vin­ce. Or­di­ni di ar­re­sto che non so­no af­fat­to fir­ma­ti da te­de­schi, ma da que­sto­ri e pre­fet­ti del­la Re­pub­bli­ca So­cia­le Ita­lia­na. Do­vem­mo ren­der­ce­ne con­to, e for­se fi­no ad al­lo­ra non l’a­ve­va­mo fat­to. La per­se­cu­zio­ne an­ti­e­brai­ca in Ita­lia eb­be, sì, una fa­se ini­zia­le te­de­sca. A Ro­ma ci fu il ra­strel­la­men­to del ghet­to -mol­ti films e mol­ti li­bri vi so­no de­di­ca­ti- che av­ven­ne il 16 ot­to­bre del 1943: i te­de­schi ar­ri­va­ro­no a Ro­ma e agi­ro­no nel gi­ro di ven­ti­quat­tro ore, con un ra­strel­la­men­to fe­ro­cis­si­mo, di sor­pre­sa, pe­ne­tran­do nel­le ca­se, sfon­dan­do le por­te, por­tan­do via la gen­te che an­co­ra era ad­dor­men­ta­ta, al­le cin­que del mat­ti­no. Fu una re­ta­ta au­to­no­ma, nel sen­so che ven­ne fat­ta da te­de­schi con me­to­di te­de­schi. Que­sta fa­se du­rò per tut­ti i me­si di ot­to­bre e di no­vem­bre. Ma al­la fi­ne di no­vem­bre ini­ziò la com­pe­ne­tra­zio­ne del­la po­li­ti­ca na­zi­sta con quel­la del­la Re­pub­bli­ca So­cia­le.
Fi­no al 30 no­vem­bre la Re­pub­bli­ca So­cia­le non era an­co­ra sal­da­men­te con­so­li­da­ta, Mus­so­li­ni ave­va dei pro­ble­mi per­ché i te­de­schi non vo­le­va­no la­sciar­gli un eser­ci­to, non si sa­pe­va se la po­li­zia era fe­de­le al re­gi­me, se la bu­ro­cra­zia e l’am­mi­ni­stra­zio­ne avreb­be­ro ret­to la nuo­va Re­pub­bli­ca So­cia­le e co­sì i te­de­schi ap­pro­fit­ta­ro­no di que­sto vuo­to di po­te­re ita­lia­no per fa­re ra­strel­la­men­ti co­me quel­lo di Ro­ma. Ma dal 3O no­vem­bre 1943, è lo sta­to ita­lia­no, lo sta­to del­la Re­pub­bli­ca So­cia­le che, in pie­na au­to­no­mia, de­ci­de la per­se­cu­zio­ne. Co­sa si­gni­fi­ca? Si­gni­fi­ca che un or­di­ne di po­li­zia vie­ne emes­so e con que­sto de­cre­to tut­ti gli ebrei sul suo­lo de­vo­no es­se­re ar­re­sta­ti, in­ter­na­ti e tut­ti i lo­ro be­ni de­vo­no es­se­re se­que­stra­ti. Que­sto vuol di­re che dal 30 no­vem­bre i te­de­schi pos­so­no tran­quil­la­men­te pas­sa­re la ma­no agli ita­lia­ni per­ché sa­ran­no lo­ro a tro­var­li, ad ar­re­star­li, ad in­ter­nar­li. Non cer­to a de­por­tar­li per­ché la po­li­ti­ca ita­lia­na ha pur sem­pre una gran­de dif­fe­ren­za con quel­la te­de­sca, e che co­mun­que non è vol­ta al­lo ster­mi­nio. Ma tut­to il pri­mo pas­sag­gio vie­ne fat­to dal­la po­li­zia ita­lia­na.
Vo­le­vo ag­giun­ge­re an­co­ra qual­co­sa ri­spet­to al­la no­stra sto­ria, la sto­ria lo­ca­le. Cre­do che Fa­bio Le­vi ab­bia ben mes­so in ri­lie­vo che la po­li­ti­ca fa­sci­sta del­la le­gi­sla­zio­ne an­ti­e­brai­ca, che du­rò dal ’38 al ’43 ave­va pre­pa­ra­to sia gli ani­mi, sia una suc­ces­si­va po­li­ti­ca più for­te e per­se­cu­to­ria, che si mi­se in at­to dal ’43 al ’45. Non di­men­ti­chia­mo che in Ita­lia c’e­ra­no mi­glia­ia di ebrei stra­nie­ri, fug­gi­ti dal­la Ger­ma­nia, dal­la Ce­co­slo­vac­chia, dal­la Ro­ma­nia e dal­la Po­lo­nia per­ché pen­sa­va­no che da qui avreb­be­ro po­tu­to im­bar­car­si per gli Sta­ti Uni­ti o per la Pa­le­sti­na sot­to man­da­to bri­tan­ni­co. Que­ste mi­glia­ia di ebrei, che era­no in par­te clan­de­sti­ni, non co­no­sce­va­no la lin­gua, non co­no­sce­va­no i luo­ghi ed era­no stret­ta­men­te sor­ve­glia­ti dal­la po­li­zia ita­lia­na, era­no al­la mer­cé dei ra­strel­la­men­ti e del­le raz­zie. Vi fac­cio un so­lo esem­pio: due del­le di­ciot­to vit­ti­me del cam­po di avia­zio­ne di For­lì so­no i co­niu­gi Am­ster­dam o Am­ster­da­mer. Era­no ar­ri­va­ti nel 1940 dal­la Ro­ma­nia, era­no sce­si a Trie­ste per rag­giun­ge­re Ben­ga­si e di lì emi­gra­re in Pa­le­sti­na. A Ben­ga­si do­ve­va­no in­con­tra­re al­tri pro­fu­ghi, an­che lo­ro sce­si dal­l’Eu­ro­pa orien­ta­le, e lì for­ma­re una na­ve per ten­ta­re di for­za­re il bloc­co in­gle­se al lar­go del­la Pa­le­sti­na, co­sa dif­fi­ci­lis­si­ma al­lo­ra, per­ché la Pa­le­sti­na era sot­to man­da­to bri­tan­ni­co e que­sto im­pe­di­va agli ebrei per­se­gui­ta­ti e fug­gi­ti­vi di en­trar­vi; c’e­ra­no al lar­go le na­vi in­gle­si che fer­ma­va­no i pro­fu­ghi e li man­da­va­no in­die­tro. A Ben­ga­si que­sti pro­fu­ghi si riu­ni­ro­no ef­fet­ti­va­men­te, si im­bar­ca­ro­no, era­no più di tre­cen­to, ma non ten­ta­ro­no nean­che di for­za­re il bloc­co in­gle­se, quin­di co­min­cia­ro­no a va­ga­re per il Me­di­ter­ra­neo. Ri­tor­na­ro­no a Ben­ga­si do­ve tro­va­ro­no le au­to­ri­tà ita­lia­ne che li ac­col­se­ro con un re­gi­me po­li­zie­sco, nel sen­so che li in­ter­na­ro­no tut­ti e li man­da­ro­no in Ita­lia, nel cam­po di in­ter­na­men­to di Fer­ra­mon­ti di Tar­sia. E lì si fer­ma­ro­no, sot­to stret­ta sor­ve­glian­za po­li­zie­sca. Ora, si dà il ca­so che Fer­ra­mon­ti, vi­ci­no a Co­sen­za, sia sta­to uno dei pri­mi cam­pi di in­ter­na­men­to eu­ro­pei ad es­se­re li­be­ra­to dal­le ar­ma­te al­lea­te che ri­sa­li­va­no la pe­ni­so­la, nel­l’au­tun­no del 1943. Ma que­sti po­ve­ri co­niu­gi Am­ster­dam, da Fer­ra­mon­ti di Tar­sia, fu­ro­no tra­sfe­ri­ti più a nord, in in­ter­na­men­to a For­lì, dal­la po­li­zia ita­lia­na, e lì suc­ces­se quel che suc­ces­se, fu­ro­no due del­le di­ciot­to vit­ti­me del­l’ae­reo­por­to. Que­sto per di­mo­stra­re co­me que­sta stret­ta in­ter­di­pen­den­za tra po­li­zia ita­lia­na e po­li­zia te­de­sca non va as­so­lu­ta­men­te di­men­ti­ca­ta, e fu quel­la che pro­cu­rò al­la fi­ne i mag­gio­ri di­sa­stri per gli ebrei ita­lia­ni. Gra­zie.


Intervento di Gianni Sofri da un convegno del 1992

QUESTO CONVEGNO

Da Una città n. 11, marzo 1992

Qual­cu­no ha chie­sto, e non so se gli ab­bia­mo ri­spo­sto, per­ché tor­na la sva­sti­ca. E’ un ri­tor­no, in ef­fet­ti, preoccu­pante a tut­ti i li­vel­li. Ab­bia­mo let­to no­ti­zie in­quie­tan­ti sul pre­si­den­te del­la Croa­zia, sul­la Li­tua­nia… So­no emer­se co­se paz­ze­sche sul­la Li­tua­nia: voi sa­pe­te che mol­ti li­tua­ni co­min­cia­ro­no, du­ran­te la se­con­da guer­ra mon­dia­le, a lot­ta­re al fian­co dei na­zi­sti con­tro gli oc­cu­pan­ti so­vie­ti­ci, ma poi fi­ni­ro­no an­che per col­la­bo­ra­re nel­la per­se­cu­zio­ne de­gli ebrei. Su que­sto tri­ste epi­so­dio non c’è sta­ta per ora al­cu­na au­to­cri­ti­ca, an­zi!… In­som­ma, quan­do par­lia­mo di antise­mitismo og­gi non dob­bia­mo cre­de­re che si trat­ti so­lo dei na­zi­skin che ab­bia­mo vi­sto nel­la tra­smis­sio­ne di Giu­lia­no Fer­ra­ra. Og­gi l’an­ti­se­mi­ti­smo è for­te­men­te pre­sen­te in lar­ghe fa­sce gio­va­ni­li, ma non so­lo gio­va­ni­li,del­la Ger­ma­nia Orien­ta­le; è pre­sen­te in buo­na par­te dei pae­si del­l’Eu­ro­pa orien­ta­le, ben­ché i mi­lio­ni di ebrei che vi abi­ta­va­no pri­ma del­la Shoah sia­no so­lo ri­dot­ti a po­che de­ci­ne di mi­glia­ia; è pre­sen­te in al­cu­ne ten­den­ze, di­cia­mo co­sì per in­ten­der­ci, di de­stra, na­zio­na­li­ste e pan­rus­se, del­la Chie­sa or­to­dos­sa rus­sa, co­me Pa­m­jat. più vi­ci­no a noi, in Fran­cia e in Sviz­ze­ra, si vio­la­no tur­pe­men­te tom­be di ebrei. Esi­ste an­che un an­ti­se­mi­ti­smo di al­tro ti­po, di dif­fi­ci­le as­si­mi­la­zio­ne a quel­lo eu­ro­peo, nel mon­do ara­bo e mu­sul­ma­no (ma per il mo­men­to lo met­te­rei da par­te). Quin­di il fe­no­me­no del­l’an­ti­se­mi­ti­smo og­gi è un gros­so fe­no­me­no. Di­ce­vo pri­ma che l sto­ria non ri­sol­ve qua­si mai un pro­ble­ma una vol­ta per tut­te: lo ve­dia­mo og­gi con la ri­na­sci­ta dei na­zio­na­li­smi, del­le guer­re di re­li­gio­ne, ecc. Per­si­no ri­spet­to al­l’an­ti­se­mi­ti­smo, nep­pu­re un even­to spa­ven­to­so e in­di­ci­bi­le co­me lo ster­mi­nio è sta­to un vac­ci­no suf­fi­cien­te. Per lo me­no non per sem­pre. Vor­rei in­si­ste­re: di­cen­do che la sto­ria non ri­sol­ve i pro­ble­mi una vol­ta per tut­te, non pen­sa­vo a pic­co­li re­si­dui, più o me­no in­no­cui e fa­ci­li da con­trol­la­re. La ri­pre­sa odier­na del­l’an­ti­se­mi­ti­smo è un fe­no­me­no gros­so, che non va sot­to­va­lu­ta­to. Non si può ab­bas­sa­re la guar­dia.
Noi in Ita­lia ab­bia­mo avu­to de­gli epi­so­di, an­che mol­to brut­ti. Ci so­no ele­men­ti, non tan­to di an­ti­se­mi­ti­smo (co­me in al­cu­ni mo­vi­men­ti fran­ce­si), quan­to di raz­zi­smo più ge­ne­ra­le, nel­le le­ghe. So­prat­tut­to, ab­bia­mo una fet­ta di mon­do gio­va­ni­le che si agi­ta rie­su­man­do vec­chi slo­gan e fa­cen­do pro­pria una cul­tu­ra quan­to me­no am­bi­gua e in­con­si­sten­te, una pseu­do-cul­tu­ra. Ora, co­me com­por­tar­si ri­spet­to a que­ste co­se? Que­sto è un pro­ble­ma po­li­ti­co, ma an­che cul­tu­ra­le, mol­to im­por­tan­te. Io cre­do che una pri­ma co­sa da di­re sia que­sta: che bi­so­gna sem­pre guar­dar­si dal­l’as­si­mi­la­re il pre­sente al pas­sa­to. O me­glio. E’ ve­ro che esi­ste una con­ti­nui­tà nel­la sto­ria del raz­zi­smo su ba­se “scien­ti­fi­ca” (par­lo di que­sto, per­ché al­tri­men­ti, se per raz­zi­smo in­ten­dia­mo ogni for­ma di et­no­cen­tri­smo, al­lo­ra non fi­nia­mo più, cioè si par­te dal­la pre­i­sto­ria, dal­le so­cie­tà pri­mi­ti­ve, ecc.). Quin­di c’è una con­ti­nui­tà che va te­nu­ta pre­sen­te: per esem­pio, non è un ca­so che i na­zi­skin pos­sa­no ave­re tra le ma­ni una co­pia del Mein Kam­pf. E pe­rò sa­reb­be mol­to sba­glia­to da par­te no­stra pri­vi­le­gia­re l’e­le­men­to del­la con­ti­nui­tà an­zi­ché sfor­zar­ci, con tut­te le no­stre for­ze, di ve­de­re lo spe­ci­fi­co che di vol­ta in vol­ta si pre­sen­ta nel fe­no­me­no. E al­lo­ra -ma qui non è cer­to il mo­men­to né il luo­go per far­lo, e io non ne sa­rei in gra­do, per­ché ci vor­reb­be il con­tri­bu­to di ana­li­sti del mon­do gio­va­ni­le, di so­cio­lo­gi, di psi­co­lo­gi, di pe­da­go­gi­sti e stu­dio­si del­la po­li­ti­ca-, al­lo­ra, di­ce­vo, la mia sen­sa­zio­ne è che, mol­to spes­so, an­che l’u­so di te­si al­la Fau­ris­son sul­la non-esi­sten­za dei cam­pi di ster­mi­nio, l’u­so di vec­chi te­sti, di vec­chie sim­bo­lo­gie, ecc., si col­le­ghi­no in un amal­ga­ma as­sai con­fu­so, che non è im­me­dia­ta­men­te (e sem­pli­ce­men­te) ri­con­du­ci­bi­le al na­zi­smo.
E pe­rò, det­to que­sto, uno sa­reb­be ten­ta­to di con­clu­de­re: “ma al­lo­ra dob­bia­mo la­sciar­li fa­re?”. E’ un pro­ble­ma mol­to in­quie­tan­te.
Ri­spet­to al la­sciar­li fa­re, se è ve­ro che la sto­ria qual­che co­sa in­se­gna (non che sia ma­gi­stra vi­tae, per ca­ri­tà!, non ci cre­de più nes­su­no, ma se in­se­gna qual­co­sa), al­lo­ra, nei pri­mi an­ni Ven­ti, Hi­tler era uno dei tan­ti, ce n’e­ra­no tan­ti nel­la Ger­ma­nia di al­lo­ra, e non tut­ti im­bian­chi­ni, cioè fa­ce­va­no an­che al­tri me­stie­ri…, che an­da­va­no in gi­ro di­cen­do che pri­ma o poi gli ebrei an­da­va­no ster­mi­na­ti. Se qual­cu­no li aves­se fer­ma­ti, se qual­cu­no li aves­se man­da­ti da un buon psi­chia­tra (e ce n’e­ra­no, so­prat­tut­to in Ger­ma­nia, di ec­cel­len­ti), for­se le co­se avreb­be­ro pre­so un’al­tra pie­ga. Per ca­ri­tà, la sto­ria non è mai, lo sap­pia­mo, so­lo ope­ra di sin­go­li in­di­vi­dui. La sto­ria esi­ge che si muo­va­no for­ze pro­fon­de, strut­tu­re, ec­ce­te­ra. Pe­rò se in­tan­to si fer­mas­se­ro in qual­che mo­do i sin­go­li in­di­vi­dui, sa­reb­be un buon ri­sul­ta­to: non suf­fi­cien­te da so­lo, cer­to, ma qual­co­sa sì. Vo­glio di­re che a vol­te, nel­la sto­rio­gra­fia, bi­so­gne­reb­be re­cu­pe­ra­re il na­so di Cleo­pa­tra. Voi sa­pe­te che Cro­ce ave­va -e giu­sta­men­te- at­tac­ca­to que­sta for­ma di sto­rio­gra­fia, che lui ac­cu­sa­va di es­se­re quel­la del “na­so di Cleo­pa­tra” ap­pun­to: una sto­rio­gra­fia se­con­do cui i rap­por­ti tra Ro­ma­ni, Egi­zia­ni e in ge­ne­re le co­se che ac­cad­de­ro al­lo­ra nel Me­di­ter­ra­neo avreb­be­ro pre­so una cer­ta pie­ga per­ché Cleo­pa­tra ave­va un na­si­no al­l’in­sù par­ti­co­lar­men­te af­fa­sci­nan­te, in gra­do di con­qui­sta­re al­cu­ni im­por­tan­ti lea­der po­li­ti­ci ro­ma­ni. Cro­ce, na­tu­ral­men­te, iro­niz­za­va su que­sto, e di­ce­va: no, le strut­tu­re pro­fon­de, lo Spi­ri­to del­la Sto­ria, l’I­dea, ecc. (al­tri avreb­be­ro det­to i rap­porti di pro­du­zio­ne) fan­no la sto­ria. In real­tà, a vol­te, la sto­ria è fat­ta dav­ve­ro an­che di coin­ci­den­ze, di cir­co­stan­ze ba­nali, e cre­do che noi lo stia­mo pro­prio ri­sco­pren­do in que­sto pe­rio­do: al­tri­men­ti nes­su­no ca­pi­reb­be, per esem­pio, gran par­te del­la po­li­ti­ca ita­lia­na del­l’ul­ti­mo an­no, nel­la qua­le è dif­fi­ci­le ve­de­re strut­tu­re pro­fon­de, men­tre c’è un gran fio­ri­re di na­si di Cleo­pa­tra… Na­tu­ral­men­te, si po­treb­be di­scu­te­re se que­sto sia Sto­ria, ma tan­t’è…
Ven­go al­l’ul­ti­mo pun­to, che vuo­le es­se­re an­che da par­te mia un sa­lu­to e un rin­gra­zia­men­to a voi tut­ti. Io non so se gli or­ga­niz­za­to­ri, …​Massimo Te­sei, per esem­pio, avreb­be vo­lu­to ma­ga­ri dei ri­sul­ta­ti mag­gio­ri.
Io de­vo di­re che per­sonalmente ho tro­va­to mol­to in­te­res­san­te que­sta se­ra­ta, ho tro­va­to in­te­res­san­te l’i­ni­zia­ti­va in sé (mi so­no an­che fat­to rac­con­ta­re co­me so­no an­da­te le co­se, le pun­ta­te pre­ce­den­ti, di sta­mat­ti­na e del po­me­rig­gio). Io non cre­do che in una si­tuazione del ge­ne­re po­tes­se­ro emer­ge­re né una se­rie di im­por­tan­ti ri­ve­la­zio­ni sto­ri­che im­prov­vi­sa­men­te fer­men­ta­te al­l’in­ter­no di una sa­la del Co­mu­ne di For­lì, né una so­lu­zio­ne di pro­ble­mi qua­li quel­lo del no­stro rap­por­to col razzi­smo, per dir­ne uno. Tut­ta­via, di pro­ble­mi, ne ab­bia­mo mes­si a fuo­co tan­ti, che chia­ra­men­te non si po­treb­be­ro mai ri­solvere in una se­ra­ta, in un grup­po vo­len­te­ro­so di per­so­ne, quan­do so­no pro­ble­mi che in­ve­ce im­pe­gna­no al lo­ro mas­simo la no­stra cul­tu­ra e al­tre cul­tu­re da al­cu­ni de­cen­ni.
Io tro­vo che in­ve­ce sia sta­to mol­to po­si­ti­vo da tut­ti e due i pun­ti di vi­sta sia di aver pre­sen­ta­to in ma­nie­ra non acca­demica quel­lo che avreb­be po­tu­to es­se­re un ti­pi­co pro­dot­to ac­ca­de­mi­co, e cioè i ri­sul­ta­ti di una ri­cer­ca. Ri­sul­ta­ti non fred­di (co­me spes­so è nel­le ri­cer­che ac­ca­de­mi­che), ma, co­me ho cer­ca­to di di­re pri­ma nel­la mia bre­ve in­tro­du­zio­ne, pal­pi­tan­ti di vi­ta e per que­sto com­mo­ven­ti, coin­vol­gen­ti, an­che per per­so­ne, co­me mol­ti di noi qui den­tro, che non so­no stu­dio­si, ma che ama­no, e vo­glio­no, ri­cor­da­re. Quin­di cre­do che que­sto sia sta­to im­por­tan­te, ed è un pri­mo pun­to.
Men­tre il se­con­do pun­to im­por­tan­te cre­do sia sta­to sem­pli­ce­men­te que­sto: che un nu­me­ro ele­va­to di per­so­ne, con­si­de­ran­do le tre vol­te in cui ci si è ra­du­na­ti a di­scor­re­re, sta­mat­ti­na, que­sto po­me­rig­gio e sta­se­ra, sia sta­to in­vi­ta­to a ri­pen­sa­re a dei pro­ble­mi che for­se mol­ti di noi ri­te­ne­va­no, a tor­to, già chia­ri e de­fi­ni­ti. Io so­no, ov­via­men­te, d’ac­cor­do con la Si­gno­ra che pri­ma di­ce­va: “Noi sap­pia­mo che i cam­pi di con­cen­tra­men­to, i cam­pi di ster­mi­nio ci so­no sta­ti”. Non c’è bi­so­gno di di­scu­te­re di que­sto. Pe­rò ci so­no an­co­ra tan­te co­se che dob­bia­mo ca­pi­re, e che riguar­dano il pas­sa­to, ma che ri­guar­da­no an­che noi, o per lo me­no i no­stri fi­gli, se noi stes­si non ci sen­tia­mo più in gra­do di fa­re pro­get­ti per il no­stro fu­tu­ro. Ec­co, da que­sto pun­to di vi­sta, non so voi di For­lì, che for­se pun­ta­te mol­to in al­to… Noi che abi­tia­mo in cit­tà lie­ve­men­te più gran­di sia­mo di­ven­ta­ti for­se più stan­chi e scet­ti­ci, e ci con­ten­tia­mo più fa­cil­men­te.
Io, di que­sta se­ra­ta, sa­rei mol­to con­ten­to.



Da Una città n. 16, ottobre 1992

TORNANO I NOMI
IL DOVERE DELLA MEMORIA

S’è svol­ta al ci­mi­te­ro mo­nu­men­ta­le di For­lì la ce­ri­mo­nia di sco­pri­men­to del­la la­pi­de sul­la tom­ba degli ebrei ca­du­ti nel ’44. E’ sta­ta una bel­la ce­ri­mo­nia. Aper­ta dal­le pa­ro­le di am­men­da del­l’as­ses­so­re Zel­li, a ri­pa­ra­zio­ne del­la di­men­ti­can­za del­la cit­tà, cui so­no se­gui­te quel­le del Sin­da­co Se­dio­li, del Rab­bi­no Ca­ro, del vi­ce­pre­si­den­te del­la Co­mu­nità Ebrai­ca di Fer­ra­ra, Bon­fi­glio­li, e di Tul­lia Ze­vi. Tut­ti han­no mes­so in ri­sal­to l’at­tua­li­tà e l’im­por­tan­za del ri­cor­do in un mo­men­to in cui, nel­l’Eu­ro­pa di og­gi, si ten­ta da più par­ti di ri­muo­ve­re, ad­di­rit­tu­ra di ne­ga­re, ciò che suc­ces­se ie­ri. Un’Eu­ro­pa do­ve, dal­le pro­fana­zio­ni del­le tom­be ebrai­che e da­gli at­tac­chi agli ostel­li per ex­tra­co­mu­ni­ta­ri, si è ar­riva­ti al­la pro­gram­ma­zio­ne del­la de­por­ta­zio­ne de­gli zin­ga­ri. E que­sto nel­l’in­dif­fe­ren­za, nel­l’i­gna­via, o nel­l’in­cre­du­li­tà di tan­ti di noi.
Ri­tro­var­si at­tor­no a quel­la pie­tra in­sie­me a co­lo­ro che so­prav­vis­se­ro a quel pas­sa­to è sta­to bel­lo e im­por­tan­te. An­che per con­ti­nua­re un im­pe­gno che per noi re­sta pun­to d’o­no­re.

L’in­ter­ven­to di Tul­lia Ze­vi, Pre­si­den­te del­le Co­mu­ni­tà Israe­li­ti­che Ita­lia­ne
Si­gnor pre­fet­to, si­gnor sin­da­co, si­gnor rab­bi­no, ca­ri ami­ci, ca­ri com­pa­gni e, se mi per­met­te­te, ca­ri fra­tel­li e so­rel­le, per­chè pen­so che il fat­to di es­se­re qui riu­ni­ti in que­sta pia, straor­di­na­ria e no­bi­le ce­ri­mo­nia fa di noi tut­ti fra­tel­li e so­rel­le. De­vo espri­me­re, an­che a no­me di tut­te le co­mu­ni­tà ebrai­che ita­lia­ne, il pro­fon­dis­si­mo ap­prez­za­men­to e la gra­ti­tu­di­ne per que­sta de­ci­sio­ne del Co­mu­ne di For­lì di da­re se­pol­tu­ra, an­che se a 50 an­ni di di­stan­za, a que­ste vit­ti­me del na­zi­fa­sci­smo. Vo­glio espri­me­re gra­ti­tu­di­ne a quel­la suo­ra che, mal­gra­do il suo stes­so ve­sco­vo la scon­si­glias­se, eb­be il co­rag­gio di an­da­re a ri­co­no­sce­re quel­le po­ve­re sal­me e que­sta fu la pre­pa­ra­zio­ne al­l’o­no­ra­ta se­pol­tu­ra che ri­ce­vo­no og­gi; e al­la dot­to­res­sa Sa­ia­ni che, con pa­zien­za e in­tel­li­gen­za, ha fat­to tut­te le ri­cer­che e get­ta­to lu­ce su un pas­sa­to che ri­ma­ne­va pie­no di om­bre.
Mi pa­re che que­sta ce­ri­mo­nia sia ca­ri­ca di si­gni­fi­ca­ti sim­bo­li­ci, per­chè que­sto è un mo­nu­men­to al­la me­mo­ria, al do­ve­re del­la me­mo­ria, è un mo­ni­to a non di­men­ti­ca­re. Og­gi al­cu­ni, trop­pi mo­vi­men­ti e in­di­vi­dui si sfor­za­no di can­cel­la­re, di di­strug­ge­re, di ne­ga­re la me­mo­ria. E’ sta­to det­to che chi di­men­ti­ca il pro­prio pas­sa­to è con­dan­na­to a ri­vi­ver­lo. Per que­sto è im­por­tan­te ri­cor­da­re, per­chè i se­gna­li di una pos­si­bi­li­tà di ri­vi­ve­re que­sto pas­sa­to che non vuo­le pas­sa­re so­no mol­ti e mi­nac­cio­si. Pro­prio la not­te scor­sa, an­ni­ver­sa­rio del­la riu­ni­fi­ca­zio­ne te­de­sca, so­no sta­ti com­piu­ti ol­trag­gi con­tro ci­mi­te­ri ebrai­ci. Nel so­lo 1991 in Ger­ma­nia so­no sta­ti pro­fa­na­ti 84 ci­mi­te­ri ebrai­ci, e de­vo di­re che que­ste dis­sa­cra­zio­ni e or­ro­ri non han­no ri­spar­mia­to la Fran­cia e han­no sfio­ra­to l’I­ta­lia.
L’Eu­ro­pa è per­cor­sa, mi­nac­cia­ta da fre­mi­ti di na­zio­na­li­smi esa­spe­ra­ti, di xe­no­fo­bia vio­len­ta, di an­ti­se­mi­ti­smo. Le ra­di­ci so­no di­ver­se, ma so­no con­co­mi­tan­ti nel­la mi­nac­cia al­la de­mo­cra­zia in Eu­ro­pa. Che co­sa si­gni­fi­ca og­gi la xe­no­fo­bia, spe­cial­men­te ri­vol­ta con­tro gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri? E’ la pau­ra del di­ver­so, è il con­ti­nen­te che ha co­no­sciu­to il be­nes­se­re, ma che dà se­gni di cri­si e at­tra­ver­sa di­sa­gi for­tis­si­mi, e si sen­te mi­nac­cia­to nel­la pro­pria si­cu­rez­za e nel pro­prio be­nes­se­re. L’an­ti­se­mi­ti­smo ha ra­di­ci di­ver­se, ma pra­ti­ca­men­te si as­som­ma al­la xe­no­fo­bia e al raz­zi­smo. (…)
Con que­sta ce­ri­mo­nia noi sim­bo­leg­gia­mo co­lo­ro che han­no il do­ve­re di ri­cor­da­re. In que­sto ci­mi­te­ro, gli uni vi­ci­ni agli al­tri, ci so­no ebrei, atei, cat­to­li­ci. (…) Si­gni­fi­ca che dob­bia­mo sta­re in­sie­me, es­se­re uni­ti, dia­lo­ga­re ed ope­ra­re per il be­ne co­mu­ne. Al­le no­stre por­te, l’ha ri­cor­da­to il si­gnor sin­da­co, stan­no av­ve­nen­do co­se atro­ci. Ab­bia­mo vi­sto fo­to­gra­fie che pen­sa­va­mo non fos­se­ro pos­si­bi­li in que­st’Eu­ro­pa che si con­si­de­ra ci­vi­lis­si­ma, ahi­mè.
Que­sta no­stra pre­sen­za qui og­gi mi pa­re che sia sim­bo­li­ca del do­ve­re di ri­cor­da­re e di la­vo­ra­re in­sie­me per­ché gli or­ro­ri che han­no per­cor­so l’Eu­ro­pa 50 an­ni fa non so­lo non ven­ga­no di­men­ti­ca­ti, ma non deb­ba­no ri­pe­ter­si.
Tul­lia Ze­vi

L’in­ter­ven­to di don Ser­gio Sa­la
L’e­pi­gra­fe che fi­nal­men­te ci si è de­ci­si a por­re per tut­ti que­gli Ebrei fu­ci­la­ti an­che a For­lì, è una me­mo­ria che fa ri­tro­va­re la no­stra stes­sa iden­ti­tà. Non è un do­ve­re ri­cor­da­re; è an­che l’in­di­spen­sa­bi­le cam­mi­no da com­pie­re per non per­de­re an­che noi stes­si. Or­mai sia­mo sta­ti tut­ti se­gna­ti da quel­lo ster­mi­nio e non ba­sta il tra­scor­re­re del tem­po o la na­tu­ra­le vo­glia di vi­ve­re e nem­me­no i nuo­vi gran­di pro­ble­mi del mon­do per di­men­ti­ca­re e pas­sa­re ol­tre. Gli Ebrei so­prav­vis­su­ti non so­no sta­ti ab­ban­do­na­ti dal­l’an­go­scia, che spes­so an­zi li ha tra­vol­ti nel sui­ci­dio di un’e­si­sten­za im­pos­si­bi­le; ma an­che per noi sal­va­ti, il ri­cor­do che con­ti­nua­men­te ri­tor­na è la ri­pre­sa del­la no­stra sto­ria, an­che in­di­vi­dua­le: di ciò che amia­mo. Fe­del­men­te, per­ché con­vin­ti, non emo­zio­na­ti sol­tan­to.
E l’e­pi­gra­fe, che fa tor­na­re i No­mi pro­pri, ci fa com­pren­de­re me­glio che ap­pun­to co­sì van­no ri­cor­da­ti: in­di­vi­dual­men­te, co­me sin­go­li; con il lo­ro vol­to, di­reb­be Le­vi­nas. Cer­ta­men­te, die­tro cia­scu­no di lo­ro c’è il “pro­ble­ma ebrai­co”, la sto­ria com­ples­si­va dei po­po­li, lo scon­tro del­le cul­tu­re e del­le vi­sio­ni del mon­do; ed è ap­pun­to que­sto che li ha uc­ci­si. Ma è cia­scu­no di lo­ro che con­ta: ba­sta uno so­lo. An­che -so­prat­tut­to- quan­do il cor­po non è sta­to nem­me­no iden­ti­fi­ca­to. An­che quan­do è in­di­ca­to da una sem­pli­ce si­gla K.Z…. Nem­me­no il nu­me­ro enor­me, “ster­mi­na­to”, dei 6 mi­lio­ni può oscu­ra­re nel­la quan­ti­tà il si­gni­fi­ca­to di cia­scu­no di lo­ro: l’uo­mo, co­me Dio, non fa nu­me­ro. Co­me di­ce­va la prof. Fag­giot­to nel con­ve­gno di feb­bra­io qui a For­lì, que­sta ri­cer­ca per­so­na­le va in sen­so pre­ci­sa­men­te con­tra­rio al ten­ta­ti­vo del­l’o­dio na­zi­sta di sop­pres­sio­ne as­so­lu­ta; e ap­pun­to con l’e­pi­gra­fe ri­pren­dia­mo il con­tat­to per­so­na­le con cia­scu­no di lo­ro: tor­na­no i No­mi. Ognu­no -im­mor­ta­le e in­so­sti­tui­bi­le- si ag­giun­ge ai no­mi più no­ti di An­na Frank, Da­niel­le, Et­ty Hil­le­sum… Ri­leg­gen­do que­sti dei fu­ci­la­ti di For­lì si sen­to­no ri­suo­na­re le pro­mes­se non man­te­nu­te di Dio: Sa­ra, “la prin­ci­pes­sa”; Israel, “Dio si mo­stri for­te”; Le­vi, “Dio si le­ghe­rà”. E i no­mi di fa­mi­glia che in­ve­ce ri­cor­da­no le fol­li per­ver­sio­ni del­l’uo­mo che li ha se­gre­ga­ti nei ghet­ti del­le cit­tà: Am­ster­dam, Mor­pur­go… Ogni lo­ro No­me è co­sì ca­ri­co di sto­ria e pro­mes­se. Per que­sto, cre­do che so­lo la bio­gra­fia, il dia­rio, le let­te­re sia­no il lin­guag­gio più ri­spet­to­so e ap­pro­pria­to per que­sta me­mo­ria. Im­pe­di­sco­no il ge­ne­ra­le astrat­to e co­strin­go­no al­le esi­sten­ze con­cre­te. Pre­mu­ni­sco­no vi­sce­ral­men­te dal con­teg­gio fal­so del­la let­te­ra­tu­ra re­vi­sio­ni­sta e ri­ve­la­no, co­me lo yd­dish di Sin­ger, la lin­gua del­l’e­si­lio, la sto­ria ve­ra del­la gen­te po­ve­ra e smar­ri­ta. Ma che pro­prio co­sì ci giu­di­ca. Uno di lo­ro, nel ghet­to di Var­sa­via, ha la­scia­to scrit­to: “Ciò che non po­te­va­mo gri­da­re in fac­cia al mon­do, l’ab­bia­mo na­sco­sto sot­to­ter­ra…”. Noi ora a For­lì sen­tia­mo quel gri­do. Non si im­pa­ra la Shoah sui li­bri, ma leg­gen­do quei No­mi del­l’e­pi­gra­fe mol­ti pen­se­ran­no ai sin­to­mi in­quie­tan­ti del no­stro tem­po; co­me giu­sta­men­te è sta­to det­to che “quan­ti non ri­cor­da­no il pas­sa­to so­no con­dan­na­ti a ri­vi­ver­ne in fu­tu­ro gli or­ro­ri”. Per mol­to me­no di Ro­stock in pas­sa­to av­ve­ni­va­no i po­grom. Il ma­le esi­ste, mi­nac­cio­so e po­ten­te; ma tut­to di­pen­de pur sem­pre dal­la no­stra li­ber­tà e dal co­rag­gio di gio­car­si. Quei No­mi del­l’e­pi­gra­fe non pro­vo­ca­no uno ste­ri­le com­ples­so di col­pa (an­che se tut­ti in qual­che mo­do ne sia­mo re­spon­sa­bi­li) ma som­muo­vo­no la co­scien­za eti­ca re­spon­sa­bi­le e at­ti­va, che ci im­pe­di­sce -co­me in­ve­ce è sta­to nel ’33- di sta­re a guar­da­re. E al­lo­ra, il 2 no­vem­bre è vi­ci­no, co­me far co­no­sce­re quel­l’e­pi­gra­fe ai no­stri con­cit­ta­di­ni? La scuo­la è ap­pe­na ini­zia­ta: co­me in­se­gna­re sto­ria a chi non sa? Nel­l’at­tua­le cri­si del­la po­li­ti­ca co­me ri­cor­da­re il con­tri­bu­to de­gli Ebrei al­la sto­ria del­la no­stra Li­be­ra­zio­ne?

il diario di Suor Pierina

Dal diario di Suor Pierina Silvetti, Suor Valeriana Collini e Suor Elvira Ghirardi redatto per ordine della Superiora Generale Suor Margherita Ricci Curbastro.
Le suore erano in servizio al carcere di Forlì, dove assistetterno per gli ultimi giorni alcune delle vittime della strage dell’aeroporto, ma anche Tonino Spazzoli.


Suor Valeriana Collini, Suor Pierina Silvetti e Suor Elvira Ghirardi

Con questo colore si trova evidenziata la parte riguardante le vittime dell’aeroporto.

L’ANNO PIÙ LUNGO

Lunedì di Pasqua 1955.

Venticinque anni orsono e precisamente il 16 giugno 1941, nasceva la nostra piccola Comunità tra le mura di questo Carcere Giudiziario, per la sorveglianza e l’assistenza delle detenute ed era così composta: Suor Valeriana Collini – Suor Pierina Silvetti e Suor Cornelia Bianchi, la quale però lasciò presto l’impresa e fu sostituita da Suor Elvira Ghirardi. Già da oltre un anno Suor Valeriana era stata adibita a questa bella missione, coadiuvata da una guardiana secolare, la Sig.ra Sartoni Mercatali Rosa e risiedendo presso le nostre consorelle a Ravaldino…

Dal 1941 al ’43 avemmo donne per reati comuni, brave e volenterose lavoratrici, tutte molto affezionate. Fino dagli inizi del nostro apostolato prendemmo per regola di non interrogare mai alcuna circa i propri reati, ma di accettare le loro aperture, senza sollecitarle e senza scandalizzarci mai, cercando sempre di comprendere, di compatire, investendoci delle loro situazioni per porre pace nelle loro anime, invitandole alla riflessione, al ragionamento, all’accettazione della pena, come purificazione, innalzamento, riconquista di tutto ciò che sembrava perduto. Lavoro paziente che non abbiamo mai abbandonato, che non ci siamo mai stancate di praticare. Ogni anima va studiata a sé perché diversa anche se i reati sono gli stessi. Nature diversissime, alcune menzognere, simulatrici, altre semplici e schiette. Tare ereditarie sono talvolta le radici latenti di orrendi delitti. Creature nate e cresciute in covi volgari, ove le più sconcertanti sozzure furono il loro pane quotidiano e la mancanza assoluta del vero amore la causa principale di tante deviazioni…

Con la discesa delle truppe tedesche in Italia, l’8 settembre 1943, cominciò per noi un vero calvario. Agli albori della primavera 1944 avemmo l’incarcerazione di tantissimi innocenti, tra cui molti sacerdoti, tutti rei di soli atti di carità.

Una mattina, sul fare del giorno, ci fu consegnata una giovane donna, Rossana Benda Molina, con la figlioletta Rita di quattro anni ed il figlio Giorgio di sette, perché il loro rispettivo marito e padre, sospetto di collaborazione partigiana, non era stato trovato. Infatti egli, dottore farmacista, era fuori per ragioni professionali. I tedeschi non capirono o non vollero capire, rastrellarono tutta la famiglia, confiscarono ogni suo bene e distrutto ciò che loro non serviva, la tradussero in prigione, lasciando sola, sul lastrico, l’anziana madre della signora. Il triste fatto giunse alle orecchie del dottore che in un batter d’occhio si presentò al comando affinché fossero rilasciati i suoi cari, ma ci volle del tempo ed egli fu imprigionato con proibizione di vedere moglie e figli. A quel tempo, per continue incursioni aeree, i detenuti non venivano rinchiusi nelle celle, ma restavano fuori per facilitare la loro discesa ai rifugi. Approfittando di ciò ed avendo il finestrone del corridoio dinanzi a quello maschile, tenevamo la piccola Rita appoggiata all’inferriata così da stabilire una comunicazione col padre, pronte a ritirarla all’arrivo dei tedeschi o di chi ci potesse tradire. Qualche giorno dopo, purtroppo, il dottore veniva fucilato con altri nove innocenti e la sposa ed i bambini rimessi in libertà.

La signora Rossana e la piccola Rita perirono poi sotto un bombardamento a Torre Pedrera. Giorgio rimase invece con la nonna, che tra stenti e sofferenze lo crebbe e l’istruì senza l’aiuto di alcuno, poiché il Comitato di liberazione, a cui ci eravamo rivolte, non volle riconoscere il Molina come partigiano, non avendo egli partecipato al movimento, né quello degli orfani di guerra, perché il dottore non aveva combattuto. Adesso vivono a Bologna, Giorgio è sposato ed ha una buona posizione e la nonna è sempre in relazione con noi. Fu un susseguirsi di queste vicende sconvolgenti. Una mattina ci vedemmo arrivare la Marchesa Pellegrina Paolucci De’ Calboli arrestata col figlio Cosimo quindicenne ed il marito, sotto pretesto di collaborazione rivoluzionaria. Dopo crudeli interrogatori e dure percosse (dovevamo chiuderci le orecchie per non sentire i colpi e le grida) il Marchese Raniero fu fucilato a Castrocaro. Prima dell’esecuzione chiese tempo per prepararsi alla morte, gli fu concesso. Egli s’inginocchiò e si raccolse in preghiera, poi alzatosi disse al comandante: Sono pronto!

Rimase la Marchesa che dovette subire altri inumani interrogatori, perché doveva parlare, ma lei non poteva dir nulla, non aveva mai avuto contatto con i partigiani. Non fu creduta e dopo averle comunicata la morte del marito, che noi le avevamo taciuta, le intimarono di decidersi a parlare, ma ella non poteva che tacere. Impossibile ridire l’angoscia e la prostrazione della povera donna, noi non sapevamo più cosa dirle per rincuorarla. La mattina del 12 agosto il figlio Cosimo fu prelevato con altri per essere deportato in Germania e a noi ci fu comandato di preparare la Marchesa per il pomeriggio perché doveva raggiungere il figlio al Comando. Noi ci credemmo e ci demmo da fare affinché la Signora potesse portarsi dietro indumenti e danaro. Riuscimmo ad avvertire segretamente i domestici che in breve tempo ci portarono roba e due carte da 10.000 lire che occultammo, aprendo una finta tasca nell’abito della Marchesa e ricucendola. All’ora stabilita l’accompagnai nell’ufficio matricola ed all’arrivo dei tedeschi la lasciai per portarmi alla porta centrale e vederla partire. Là era giunta una sua cameriera con una valigia di biancheria ed attendeva per consegnargliela e salutarla. Fuori, in giardino, notai le camionette con i tedeschi armati di mitra, «il plotone d’esecuzione». Rimasi di ghiaccio e non potei pronunciare parola, restai inchiodata tra i due cancelli col cuore impazzito e il sangue gelato. Poi il campanello squillò e fu aperto, vennero avanti ad uno ad uno tutti gli ebrei: le mani legate dietro il dorso, ultima lei bianca, con le mani pure legale, quando mi fu vicina mi guardò lungamente, ed io capii… poi rivolta alla cameriera le disse con voce ferma: Porta via quella valigia, non mi serve più. La vidi salire sulla macchina della morte, avevo la gola serrata in una morsa crudele. Avrei voluto gridare, fare qualcosa, ma quale cosa? Appena fui capace di un po’ di forza rientrai in sezione, non feci parola ad alcuno, mi preparai in fretta e mi precipitai verso la Cattedrale ove avevo convegno con chi ci dava una mano. Sulla porta trovai il Maresciallo della Questura che mi disse: Proprio adesso è stata fucilata la Marchesa Paolucci insieme ad altri uomini. Mi usci un grido di protesta: Non è vero! — Vedrà domani — mi rispose. Purtroppo avevo tutto capito e sapevo che era vero, solo non volevo che fosse così. I tedeschi quando prelevavano i detenuti dipendenti dal loro comando, sul registro di scarico lasciavano scritte frasi laconiche, mai la pura verità.

Al mio ritorno le suore erano in cappella e dissi loro: Preghiamo, hanno ucciso la Marchesa! Il singhiozzo di Suor Valeriana mi aprì il cuore. Finalmente potevo piangere anch’io con loro e fu la nostra preghiera.

Ci restavano ancora sette ebree, mogli o parenti degli uccisi, a loro non dicemmo la verità sui loro cari, ma che erano stati fatti partire per la Germania, ove fra breve li avrebbero raggiunti. Credevamo davvero che le donne sarebbero state risparmiate, perché un ufficiale delle SS ci aveva assicurato che le avrebbero rimpatriate. Le preparammo quindi a partire dando loro cibo ed una quantità di mele. La mattina del 17 settembre avemmo l’ordine di preparare le donne per la partenza, erano cariche di roba, le volli accompagnare, ma quando fui in giardino mi ferì la già nota allucinante visione: camionette, mitra! Mi feci forza, vidi le vittime salire sulle auto, senza poter far nulla. A queste legarono le mani, ma lasciarono che si portassero dietro i loro fagotti; una nel salire inciampò ed un pacchetto si ruppe lasciando correre via tutte le mele, io mi precipitai a raccoglierle, i tedeschi mi lasciarono fare, anzi lasciarono pure che le riconsegnassi. Questa clemenza mi dette speranza e seguii il corteo più sollevata, ma quando vidi le macchine piegare sulla sinistra, invece che andare dritte per la via del Comando, la speranza si frantumò e mi sommerse un’onda di desolazione. Poche ore più tardi sapemmo la terribile realtà; erano state fucilate come gli altri, alle «Casermette», nelle buche prodotte dalle bombe. Scaricai la mia indignazione su di un ufficiale delle SS, il più umano di tutti perché cattolico e dal quale avevo avuto tanti consensi, anche con suo grave rischio e pericolo. Egli parlava l’italiano come noi, cosi gli potei dire tutto quello che avevo nel cuore; lo vidi impallidire e mi rispose: Noi facciamo la guerra.

Per ordine delle SS noi non dovevamo aiutare in alcun modo i detenuti politici; il vitto era allora insufficiente ed immangiabile. Un mattino ci furono accompagnati il Vescovo di Fossombrone, il suo segretario, il Podestà ed un altro giovane sacerdote, parroco di S. Sepolcro, questo ultimo era stato torturato, non aveva più veste, la camicia stracciata ed insanguinata lasciava vedere la schiena fustigata, aveva il volto contuso ed era scarmigliato. All’insaputa dei tedeschi, i nostri agenti ci affidarono i quattro infelici perché li custodissimo e dessimo loro da mangiare, noi che non avevamo niente!!!

Appena la notizia dell’arresto del Vescovo si diffuse in città, molti si offrirono di aiutarci portandoci generi vittuari, così avemmo prima il recapito a S. Filippo, ma fummo scoperte; poi a Ravaldino, ma poco dopo il Parroco, impressionato da certe voci che circolavano (già si diceva che ci avrebbero portato a Castrocaro per essere fucilate), ci disse non essere più il caso di continuare. Allora il Sacrista della Cattedrale, ora Can.co Don Ettore Sossi, si offerse di raccogliere e di portare direttamente a noi, ciò che fece per vario tempo, poi demmo nell’occhio anche così, ed allora per non esporre la vita del sacerdote, riprendemmo noi la spola stavolta dalla cattedrale al carcere, pedinate dai soliti angioletti… e così continuammo fino in fondo con tanta tremarella. Avemmo al nostro fianco, incurante di ogni pericolo, il nostro amatissimo Vescovo Mons. Giuseppe Rolla, a cui portavo i dispacci che gli infelici incollavano sul fondo esterno dei piatti e usati per mandar loro le furtive pietanze. Avevamo nelle due sezioni, quella maschile più la nostra, delle spie messe dai tedeschi che studiavano i movimenti di tutti per poi riferire. Occorreva molta prudenza e molto studio. I momenti più sicuri per andare in Vescovado erano quelli degli allarmi aerei, allora la città si faceva deserta, i tedeschi scappavano, i detenuti scendevano ai rifugi ed io ero finalmente libera di correre al Padre che mi accoglieva sempre con le braccia aperte. Egli era davvero il buon pastore che non lasciava niente d’intentato pur di salvare tanti disperati; si pensi che riuscì ad ubriacare col cognac il comandante delle SS, che invitava a casa sua, per farsi accordare liberazioni, assoluzioni ed infine per fargli firmare il permesso di tenere prigioniero, nel suo palazzo, il Vescovo di Fossombrone. Solo il buon Dio conosce tutta l’opera svolta da Mons. Rolla, solo Lui sa quello che fece per strappare alla morte le sue pecorelle! Ma per il povero parroco di S. Stefano, Don Francesco Babini, non ci fu niente da fare! Sembrava imminente la sua scarcerazione, il nostro Vescovo ce l’aveva assicurato, ma invece un pomeriggio lo vedemmo uscire con altri nove, aveva un nostro asciugamano intorno al collo ed era tra due militi. Ci fu assicurato che andava per essere ancora interrogato. Preparammo come sempre, la cena, e la facemmo giungere col consueto sistema clandestino al Vescovo di Fossombrone ed ai suoi compagni che ci fecero assicurare aver messo da parte la cena di Don Francesco ben coperta, non celandoci la loro pena vedendo che tanto ritardava. Ci agitammo anche noi e ripetutamente andavamo all’ufficio matricola per sapere se fossero rientrati, ma sempre in risposta il medesimo no. Alla mezzanotte una telefonata ci consigliava di andare a riposare, perché non sarebbero più ritornati, erano stati tutti fucilati, per rappresaglia, essendo stato trovato un tedesco ucciso. Chiedemmo molte volte ove fossero stati sacrificati, ma dovevano passare quasi tre giorni prima di venirne a conoscenza. Fu uno dei nostri agenti, che trovandosi a passare casualmente da Carpinello, scoprì i dieci corpi massacrati, lasciati sul ciglio della via preda delle mosche a monito dei passanti. Se volete vederli sono là — ci disse — ma era già tardi per intraprendere il cammino e decidemmo per la mattina seguente. Ci alzammo prestissimo, Suor Elvira ed io e partimmo a piedi alla volta di Carpinello, onde mettere indosso, alle povere vittime, un segno di riconoscimento. In prossimità del ponte del Ronco ci raggiunse lugubre l’urlo delle sirene, che dalla città davano il segnale d’allarme; ci mettemmo a correre per allontanarci il più possibile da quel ponte, obbiettivo dei bombardamenti americani. Facemmo un buon tratto mentre il ruggito dei bombardieri si avvicinava, incontrammo per caso il nostro giudice di sorveglianza che fu non poco meravigliato di trovarci colà. Gli dicemmo in fretta la ragione del nostro viaggio ed egli ci aiutò a discendere, con lui, in una fossa di salvataggio, mentre la formazione passava fragorosa sopra le nostre teste. Per fortuna non sganciarono. Passato il pericolo, al segnale del cessato allarme, riemergemmo sulla via aiutate dal buon giudice che, pure lodando il nostro gesto, sottolineò il rischio a cui andavamo incontro. Se vengono a sapere le vostre intenzioni quei tristi vi spacceranno, perché guai a chi si occupa dei giustiziati, sarà ritenuto loro complice!

Ci accompagnò, tornando poi indietro, fino al principio del paese, lì fermò un milite al quale disse che noi eravamo le Suore delle carceri e che desideravamo sapere ove fossero i fucilati per poi riferire alle famiglie dei medesimi. II milite fu assai cortese, ci consigliò di recarci al cimitero perché le salme erano state tolte dalla strada. Ci dirigemmo colà ed il giudice ci lasciò, per non esporsi altrimenti; noi ci presentammo al milite di guardia e gli ripetemmo quanto detto all’altro. Con una grinta molto dura e squadrandoci dall’alto al basso ci disse che erano stati portati tutti in città a disposizione delle famiglie. Stanche e deluse, dopo tanto cammino, stavamo per tornare sui nostri passi, allorché fummo viste dalla Sig.ra Savoia che ci accolse in casa sua, ci rifocillò, ed appena riposate un poco ci lasciò partire senza mettersi in vista. Nella piazza del paese c’era un camion della polizia, con sopra il Parroco che andavano a Forlì, chiedemmo loro un passaggio, ma saputa la ragione della nostra presenza a Carpinello, non ci vollero prendere su perché ebbero paura. Facendo buon viso a cattiva sorte riprendemmo il nostro lungo cammino, questa volta senza altri incidenti. Sapemmo poi, a nostro conforto, che ogni salma era stata consegnata ai propri cari. Don Francesco riposa, adesso, nel suo cimitero e con la stia buona Mamma continuiamo ancora la corrispondenza.

Fu poi la volta di Tonino Spazzoli, capo del movimento di liberazione di cui si dice che siasi mangiato, prima dell’arresto, un documento importante, contenente i nomi di gran parte degli appartenenti. Furono pure incarcerate con lui la sorella e la nipote che più tardi vennero deportate in Germania. Il povero Tonino doveva stare chiuso in cella, ammanettato, senza sedersi né sdraiarsi, senza bere e senza mangiare fino a che non si fosse deciso a rivelare tutto e tutti. Era sorvegliato da due militi, alla sua cella era vietato avvicinarsi persino ai nostri agenti, solo un detenuto venne adibito alle pulizie, con incarico di ritirare il «vaso». I «vasi» erano molti alti, molto capaci, ed il detenuto due volte al giorno ritirava quello di Tonino per pulirlo e poi riportarlo. Quel vaso divenne l’unico mezzo per passare il nutrimento all’infelice ed il detenuto il ponte di collegamento fra noi e lui. Due volte al giorno preparavamo dei cordiali: due uova sbattute in brodo ristretto che la famiglia ci procurava col solito sistema. Mettevamo il cordiale in una bottiglia che facevamo sparire dentro la camicia del detenuto addetto, il quale bussava alla nostra porta, con la scusa di portare roba occorrente. Prendeva poi il vaso per pulirlo e quindi introduceva la bottiglia riportando tutto in cella. Spazzoli appena richiuso, aiutandosi con le mani ammanettate, estraeva la bottiglia, toglieva il tappo con i denti, quindi beveva tutto il contenuto rimettendo il vuoto. Con lo stesso sistema mandavamo i farmaci per tenerlo su, in maniera che nutrito e curato, trovasse forza per resistere e tacere. Così per molti giorni che sembrarono anni. Il detenuto quando veniva a prendere e riportare la bottiglia ci diceva: Sorelle noi moriremo tutti e quattro insieme! E per miracolo sfuggimmo a questa morte! Avevamo anche dei nostri agenti che favorivano i tedeschi! Intanto, nonostante le terribili battiture, Tonino rimaneva di sasso. Il giorno che fu accompagnato a vedere suo fratello Arturo, fucilato ed impiccato in Piazza Saffi, allorché gli intimarono di parlare per non fare la stessa fine, con fermezza dichiarò di non avere nulla da dire. A notte dello stesso giorno fu prelevato ed ucciso nei pressi di Coccolia. I nostri sacrifici non valsero a salvarlo!

Tra la lunga, interminabile, teoria d’infelici, ci furono accompagnati una sera una ventina di ebrei tra donne e ragazzi, rastrellati per le vie di Roma e diretti in Germania. Noi non avevamo più neppure posto e non sapevamo come sistemarli; in più erano tutti affamati.

Distendemmo della paglia nel piccolo atrio della maternità e demmo loro delle coperte. Il più brutto era il non avere niente per la loro fame! Mi ricordai che la mattina ci era stato recapitato un litro di latte senza sapere da chi e che non avevamo osato toccare perché ci sembrava impossibile fosse proprio per noi. Un litro di latte, a quell’epoca, era sbalorditivo! Dopo averlo bollito, lo avevamo messo in fresco, pensando che sarebbe saltato fuori il padrone. Ci venne l’idea di darlo ai bambini, poi ne subentrò subito un’altra che attuammo: Suor Elvira preparò un recipiente di surrogato, vi mischiò quel latte e lo servimmo col poco pane che avevamo; fu qui che vedemmo il miracolo! Pane e caffè latte bastarono per tutti, tutti si saziarono e si addormentarono. Al mattino, i tedeschi li ripresero tutti, e chissà mai quale sarà stata la loro sorte!

Sempre in quei terribili mesi, in cui vedemmo tanti fratelli anelare alla morte, furono incarcerati il generale Trionfi e la figlia, perché il marito di questa, capitano dell’esercito, era passato ai partigiani. La signora Trionfi aveva seguito a Forlì i suoi cari: marito e figlia, con la nipotina Patrizia, dopo che i tedeschi si erano impossessai di tutti i suoi beni, lasciandola praticamente in mezzo alla via. La Signora mi fece chiamare e in disparte mi confidò come sua figlia portasse indosso un cuscinetto con tutti i loro gioielli di grande valore. Mi supplicò di consegnarglieli essendo questi l’unico mezzo per sopravvivere.

Cercai farle capire il grave rischio che correvamo entrambe, rna poi, commossa dalla sua disperazione, promisi che l’avrei accontentata. Le fissai un appuntamento in Cattedrale, sull’imbrunire, presso una delle colonne dinanzi alla Madonna del Fuoco, e così feci, non senza una paura che mi drizzava i capelli. Mi portai alla colonna fingendo di osservare la cappella e intanto pregavo la Vergine S.S. che si prendesse cura di noi. Il cuore mi balzò appena vidi avvicinarsi la Signora, Ella finse chiedermi un’informazione. Con una mano le additai il quadro della Madonna e con l’altra feci passare nelle sue il prezioso pacchetto. Poi, come se nulla fosse stato, mi allontanai lasciandola in preghiera. Ritornai a casa contenta, ma non sicura. Infatti, alcuni giorni dopo, la sorella di Suor Valeriana ci fece sapere l’opportunità di fuggire, perché era stata avvertita da persona vicina ai comandi, che ci avrebbero fatte fuori. Dovevamo fuggire, ma dove? Forse che non ci avrebbero trovate e con pericolo per chi ci avesse accolte? Meglio restare al nostro posto ed attendere la nostra sorte. Per quanti anni ho poi durato a sognare di essere davanti al plotone di esecuzione!

Intanto gli eventi precipitavano, i tedeschi dovevano battere in ritirata, furono effettuate le ultime deportazioni anche di detenuti comuni. Quasi tutti partirono per la Germania dove sarebbero stati adibiti ai lavori di ricostruzione, tra questi vi fu anche il nostro coraggioso e fedele alleato che venne a salutarci dicendoci: L’abbiamo scampata, ma non ci rivedremo mai più su questa terra! Un’onda di commozione m’invase, quasi l’avrei abbracciato! Non molto tempo dopo sapemmo che era caduto dal camion che li trasportava al confine ed era morto; ci dettero per certo però che non fosse caduto, ma che volontariamente si fosse gettato per non andare in Germania. L’abbiamo sempre dinanzi agli occhi: alto, robusto, dai folti capelli fulvi, generoso e buono fino all’eroismo. Iddio lo abbia accolto nel suo amplesso dimenticando il gesto, dovuto ad un dolore che gli aveva accecata la ragione!

Ormai il carcere era vuoto, le ultime a lasciarci furono le tre inglesi, madre e due figlie, Roma di 18 anni, Vittoria di 8. Le prelevarono una sera, al tramonto, per accompagnarle ai confini ed avviarle verso la Scozia ove avrebbero riabbracciato il rispettivo marito e padre. Con esse abbiamo avuto corrispondenza fino a qualche anno fa.

La sera dell’11 novembre i tedeschi lasciarono Forlì dopo avere tagliato le condutture dell’acqua, del gas e quelle elettriche e dopo aver fatto saltare in aria il torrione, il campanile della cattedrale e la torre civica. Dovemmo abbandonare il carcere sotto lo scroscio delle granate, brancolando nel buio e portandoci dietro i letti. Riparammo come potemmo, Suor Valeriana a Ravaldino, Suor Elvira ed io a palazzo Prati ove le nostre consorelle avevano il rifugio. Al mattino ci fu intimato di rientrare in servizio sotto la minaccia di fucilazione per diserzione. Riprendemmo, quindi, la via del ritorno con le spalliere dei letti sul dorso ed il resto caricato su di un barroccino sempre sotto la pioggia delle granate e il crepitare delle mitraglie che inseguiva, dal cielo, le truppe in ritirata. Sembrava un’inferno, ed in mezzo a quell’inferno rimanemmo fino all’ingresso degli Inglesi. Ci sistemammo al piano terra perché le forze non ci permisero di risalire al nostro appartamento e fu la salvezza, poiché alcune mattine dopo un grosso calibro sfondava la nostra camera da letto formando nel mio posto un cumulo di macerie a forma di tomba. Giungemmo così a Natale che fu il Natale più reale della nostra vita.

Non avevamo neppure un cannello di carbone per fare un po’ di fuoco, quindi niente da poter mangiare di caldo, io ero a letto con la febbre. Il Natale di Betlemme, poiché come i pastori, vennero gli alleati, insediati nella sezione maschile, a portarci biscotti e the; a mezzogiorno le sorelle di Ravaldino ci mandarono cappelletti, brodo e pietanze, il pane ed il vino l’avevamo, né mai c’erano mancati prima, come mai c’era mancata la Divina Eucaristia a sostenerci. L’acqua l’attingevamo dal pozzo dell’orto. Non ci mancò neppure la frutta che ci offrirono gli Inglesi e nel pomeriggio il Capitano della Cicogna ci portò la cioccolata. Fu il Natale più suggestivo della mia vita!

Giunse infine l’ordine di sgomberare tutto il carcere, perché occorreva agli alleati. Che fare? Dove riparare? L’inverno era inclemente, l’Istituto Santarelli ancora sfollato troppo lontano per andare fin là con le masserie, per causa del ghiaccio che rendeva impraticabili le strade, nessuno voleva farci lo sgombero. Lugo era ancora sotto i tedeschi. Ci rivolgemmo alle nostre consorelle del Seminario, loro ci avrebbero anche accolte, ma il Rettore non ci volle. Quando Mons. Vescovo seppe la cosa, con slancio fraterno, ci offrì la sua casa e tanto ci supplicò che accettammo, non senza un po’ di soggezione. Avevamo lavorato e sofferto tanto insieme che nient’altro desiderò che averci presso di sé. Lui possedeva un sacco di patate, noi uno di fagioli ed uno di cipolle, così una sera mangiavamo gli uni e le altre a sere alterne, poi daccapo.

Intanto S.E. prendeva contatto con gli alleati, per loro mezzo istituì una cucina per i poveri che affidò alla nostra direzione. Cominciammo allora a beneficiare di quelle minestre, Lui no, non le toccava, perché diceva che noi ne avevamo il pieno diritto, essendo veramente povere, mentre Egli, secondo la sua delicata coscienza, non era nella stessa situazione.

Appena fu possibile trovare carne e latte a «borsa nera», non esitò ad acquistarne per tutti, alla sua tavola sedevano con noi, il Segretario, l’ortolano, il servitore e le due donne, tutta una famiglia, Lui era il Padre e ci serviva come Gesù i suoi apostoli. Quali esempi di carità cristiana e di fraterna bontà vennero ad arricchire la nostra vita! Egli è tuttora presente nei nostri cuori e la nostra gratitudine non verrà mai meno.

Agli inizi della primavera 1945 il comandante alleato ci richiese per l’identificazione dei fucilati. S.E. ci sconsigliò, perché disse che ne avremmo sofferto per tutta la vita, ma io avevo promesso alle povere ebree, che qualsiasi fosse stata la loro sorte, non le avrei abbandonate, per questo il Vescovo ci lasciò libere di fare come credevamo. Una mattina con una camionetta gli inglesi ci accompagnarono alle «Casermette», località in aperta campagna, ove era stata consumata la strage. I poveri corpi, dissepolti, giacevano decomposti l’uno accanto all’altro, tutti portavano i fori dei proiettili alle gambe ed alla testa, una delle quali era completamente staccata. Un fetore insopportabile ammorbava l’aria rendendola irrespirabile. Non tardammo molto a riconoscere le infelici e a rendere a ciascuna il proprio nome. Più difficile fu per la povera Marchesa Paolucci, la statura era la sua, ma il teschio sembrava quello di una bambina, l’abito irriconoscibile, erasi come incollato alle ossa. Suor Valeriana affermava essere lei, io invece ero molto indecisa, tutto sembrava rimanere sospeso allorché mi balenò alla mente il danaro nascosto nel vestito. Lo feci presente all’esumatore che frugando, dietro mia indicazione, estrasse le due carte vischiose, ma riconoscibili. Non c’era dunque più dubbio, era proprio lei! Chiudemmo così la nostra povera opera tra tutto lo squallore di una guerra assurda e di una inumana carneficina!

Rimanemmo presso il nostro Vescovo fino al giugno 1945, allorché il Ministero di Grazia e Giustizia ci richiamò in servizio e dopo che gli alleati avevano reso libero il carcere. Ci separammo dal nostro benefattore non senza una grande commozione, ma rimanemmo a lui legate da filiale affetto.

Riprendemmo, tra un mucchio di rovine, la nostra missione, ma quanto fu duro ricominciare di nuovo, senza nulla; per vetri mettemmo la carta che Mangelli ci donò, tutto era devastazione e lordume, poi pian piano, con l’aiuto di Dio, ricominciammo con le nuove detenute; questa volta erano le fasciste, i fascisti o i sospetti di esserlo stati a venire incarcerati, ed avemmo illustri professionisti, distinte personalità. Le donne ce le portavano rapate a zero, ma noi come avevamo accolti i primi perseguitati accogliemmo i secondi aiutando e confortando tutti, perché sotto diverse divise erano nostri fratelli.

A poco a poco la vita riprese il suo normale percorso, avemmo e tuttora abbiamo anime da sfamare e dissetare con le verità del Vangelo, donne e piccini da vestire e da alloggiare, inferme da curare nell’anima e nel corpo, ignoranti da istruire, peccatrici da illuminare, richiamare, innocenti o comunque afflitti da consolare e tanta paziente carità per sopportare talvolta anche i molesti.

Questa la vera, grande missione che da oltre trent’anni svolgiamo senza stanchezza e senza rimpianti, ma con sempre rinnovato fervore, sicure che donandoci cosi, ai più piccoli dei nostri fratelli, confortiamo e ripariamo Gesù che agonizza e muore per tutti i peccati dell’umanità. Amatissima Madre, termino, dopo cinque anni, questo lavoro che mi ha riaperto tante ferite. Domando perdono per le molte inesattezze e per l’imperizia della stesura.

Voglia benedire il mio sforzo e ricordare nelle sue preghiere tutti coloro di cui ho fatto menzione.

Forlì, 11-11-1970

Dev.me figlie in G.C.

Suor Pierina Silvetti
Suor Valeriana Collini
Suor Elvira Ghirardi

le testimonianze dei residenti

Nell’aprile del 1945, i carabinieri di Forlì raccolgono alcune testimonianze di persone residenti circa le dinamiche delle stragi. Ecco i documenti:

Le testimonianze vanno a comporre il quadro della strage in quest’altro documento ufficiale:

La lista degli oggetti

Per gli aguzzini non doveva restare niente, niente di niente. Dopo averli uccisi, le autorità confiscavano i pochi oggetti in possesso delle vittime.

Ecco qui il laconico comunicato sulle proprietà di Maria Rosenzweig, moglie di Giorgio Pacht.

La nascita di Giustizia e Libertà

Emilio Lussu (Armungia, 4 dicembre 1890 – Roma, 5 marzo 1975) è stato uno scrittore e politico italiano, fondatore del Partito Sardo d’Azione e del movimento Giustizia e Libertà.

Ecco la mia breve testimonianza. Bisogna riandare a qualcosa come trenta e più anni fa: estate 1929. Contrariamente a quello che credono molti anche tra quanti si occupano di problemi politici, Giustizia e Libertà, cioè il movimento rivoluzionario antifascista repubblicano e democratico, come si definiva, non fu costituito a causa della fuga da Lipari. Sì, la fuga da Lipari, della quale il freddo e perfetto organizzatore tecnico dalla Francia e dalla Tunisia è stato il qui presente Tarchiani, è stata certamente un fatto clamoroso, nel suo genere direi unico, ed ebbe in quel periodo molto stagnante all’interno una immensa ripercussione e in Italia e all’estero. Peraltro, tirate le somme, una fuga è una fuga e, per ispirarmi al re Borbone, a scappare siamo buoni tutti. La fuga non servì che a liberare alcuni di quelli che saranno fra poco i protagonisti di una più vivace attività politica, fra cui il grande scomparso Carlo Rosselli.
Ma Giustizia e Libertà, in realtà, esisteva già in formazione un po’ sparsa in varie parti d’Italia. A Firenze, attorno al gruppo “Non mollare” di Salvemini, erano i fratelli Rosselli, Ernesto Rossi, Nello Traquandi e altri. A Milano, attorno a Ferruccio Parri e Riccardo Bauer che avevano avuto già un’attività democratica culturale, erano alcuni giovani intellettuali e socialisti provenienti dal partito socialista. A Torino, attorno ai giovani venuti con “Rivoluzione Liberale” di Piero Gobetti, fra cui il più in vista Carlo Levi, erano quelli che erano stati allievi di Augusto Monti al liceo D’Azeglio, e qualche altro intellettuale e operaio. A Roma, era notevole, anche numericamente, il gruppo giovanile repubblicano, con Baldazzi, Gioacchino Dolci, Fausto Nitti, Giuseppe Bruno, Dante Gianotti. E poi la parte più attiva del Partito Sardo d’Azione, di cui Piero Gobetti parlava già nel manifesto di “Rivoluzione Liberale”, che aveva, con Francesco Fancello e Stefano Siglienti, un centro continentale a Roma, collegato a Firenze e a Milano. E infine qualche isolato liberale o democratico, come A. Tarchiani e A. Cianca già in esilio, e qualche altro isolato in più parti d’Italia. V’erano certamente, e in città e in provincia, centinaia di isolati o piccoli gruppi, ma si ignoravano tra di loro e noi stessi li ignoravamo.
Giustizia e Libertà come noi la costituimmo dopo la fuga da Lipari nei mesi di agosto, settembre, ottobre del 1929, si riferiva a questi vari gruppi e ad essi si legava. Ci univa tutti una comune totale rivolta morale, ideale, politica e sociale contro il fascismo e i suoi sostegni. Eravamo, può darsi, animati da quello spirito che traspare dalla esposizione sintetica politica che ci ha voluto fare oggi il professor Bobbio. Mentre a Parigi la Concentrazione, già costituitasi nell’aprile del 1927, si poteva considerare attraverso gli elementi che la formavano – i due partiti socialisti, uno riformista, l’altro massimalista, il partito repubblicano, la Confederazione generale italiana del lavoro, la Lega dei diritti dell’uomo – una specie di continuazione dell’Aventino, noi di Giustizia e Libertà non lo eravamo. E questo è fondamentale. Questi gruppi che ho elencato cosi affrettatamente poc’anzi, pur avendo partecipato all’Aventino e avendo riconosciuto all’Aventino una superiore e utile intransigenza morale di fronte al fascismo, avevano sempre negato all’Aventino stesso la giustezza della sua posizione polemica verso il fascismo. Mentre l’Aventino giocava tutte le sue carte antifasciste sul re, noi era sul popolo, e solo sul popolo, che fondavamo le speranze della liberazione. Mentre i continuatori dell’Aventino, uomini e maestri di vita morale a tutti noi di qualunque partito -cito fra i massimi, Turati, Treves, Modigliani, Buozzi, Baldini-, credevano, anzi ne erano sicuri e il presidente Nitti rafforzava questa fiducia, che Mussolini sarebbe caduto fra un mese o fra due, noi calcolavamo ad anni: cinque, sette o dieci, “se ci va bene”. Noi credevamo solo ed esclusivamente nella coscienza e nell’azione del popolo: solo il popolo sarà il protagonista della liberazione. E demmo a Giustizia e Libertà la definizione di movimento rivoluzionario antifascista, per la libertà, per la repubblica, per la giustizia sociale. Eravamo, cioè, la stessa espressione conciliativa e riassuntiva delle correnti politiche che avevano dato vita all’Aventino, ma potevamo esserne considerati come il superamento, non la continuazione.
Eravamo socialisti, repubblicani, democratici, liberali, l’avanguardia, per i quali la lotta al fascismo continuava, ma con altri mezzi: l’Aventino era stato legalitario, Giustizia e Libertà era rivoluzionaria. I comunisti erano usciti dall’Aventino poco dopo la sua formazione e dopo le leggi eccezionali; in Francia, formavano un partito a sé, staccato dalla Concentrazione con cui non avevano che rapporti polemici. Io non saprei dirvi quale sarebbe stato il corso degli avvenimenti se dell’Aventino, prima, e della Concentrazione dopo, avessero fatto parte i comunisti. Eravamo due formazioni staccate, autonome, di cui quella comunista tendeva permanentemente all’organizzazione in Italia.
Per definire il movimento di Giustizia e Libertà credo che dobbiamo fare uno sforzo di memoria. Discutemmo quasi due mesi a contatto con tutti i gruppi d’Italia e, a Parigi, non avevamo che riunioni permanenti. Si deve dire “Giustizia e Libertà” o “Libertà e Giustizia”? Sembra una cosa da nulla, eppure fu un continuo scambio di lettere clandestine, inchiostri simpatici, cifre, messaggi, tutti i nostri gruppi in Italia in movimento, e discussioni vivacissime a Parigi o a Saint-Germain-en-Laye, dove abitava Gaetano Salvemini, per breve tempo in Francia. “Giustizia e Libertà” o “Libertà e Giustizia”? A nessuno di chi si occupa di cose politiche sfugge la differenza. La corrente liberale democratica era per “Libertà e Giustizia”, la corrente socialisteggiante era per “Giustizia e Libertà”.
Dopo lungo discutere, finalmente -e mi pare di ricordare che vi fu una manovra per ottenere la maggioranza- trionfò “Giustizia e Libertà”. Ora io non rido più, e neppure sorrido, quando leggiamo che, durante la presa di Costantinopoli, i saggi erano riuniti in assemblea a discutere impassibili da che parte giusta venisse la luce sul Monte Tabor. Eh, c’è una bella differenza, perché se sul Monte Tabor la luce viene dall’oriente, si ha una civiltà, ma se viene dall’occidente, se ne ha un’altra. Una parola messa prima o messa dopo, un avverbio o una virgola non possono mutare totalmente il significato di un pensiero politico o filosofico? E ben per questo che io dicevo al tanto compianto e vecchio amico Adone Zoli, che la DC, quando si parla di “apertura a sinistra”, mette la virgola subito dopo “apertura”, sicché “sinistra” viene a parte. La discussione, dunque, era stata lunga.
Ma ci buttammo subito dopo con frenesia nell’organizzazione. Niente organizzazione all’estero. All’estero, solo quel minimo di legami necessario per i rapporti con l’Italia. Tutta l’organizzazione è in Italia ed esclusivamente in Italia. La rivoluzione antifascista si fa in Italia, non cade dall’alto e non viene dal di fuori. O sarà un prodotto della nuova coscienza del popolo italiano o non sarà niente. La rivoluzione è in Italia ed è italiana. All’estero, in Francia, principalmente, dove era la massima emigrazione politica, la divulgazione dell’antifascismo politico, i rapporti con le correnti democratiche degli altri paesi, qualcosa di associativo, e questo lo faceva assai bene la Concentrazione. Tutto il resto in Italia, solo in Italia. Queste erano le nostre premesse politiche. Quello che distingue Giustizia e Libertà, come movimento rivoluzionario in quell’epoca, è precisamente la coscienza che dal di fuori non si fa nulla, che dall’alto non si deve attendere nulla e che tutto si costruisce in Italia. E ponemmo in forma drastica e pregiudiziale la questione istituzionale: cioè, la rivoluzione sarà fatta dal popolo italiano, sarà contro il fascismo, e contro la monarchia, per costruire una democrazia repubblicana. Ponemmo cioè, quando ancora molti attorno al re speravano interventi miracolosi, il problema della repubblica, e in termini di assoluta preclusione ad ogni altra soluzione.È chiaro che, parlando di questi problemi, io sarei portato a svilupparli, ma mi fermo, perché, dal punto di vista cronometrico, la mia testimonianza si chiude qui. D’altronde io stesso sono in corso di chiarire parecchi dei problemi di fronte ai quali si è trovato il movimento di Giustizia e Libertà, di cui io ho parlato solo del primissimo periodo; lo sviluppo successivo è complesso. Giustizia e Libertà seguirà tutta la situazione nazionale e internazionale: è presente in Spagna, e Carlo Rosselli è stato ucciso perché fu un grande protagonista del primo intervento in Spagna. Dopo la caduta di Mussolini, Giustizia e Libertà e il Partito d’Azione si fondono pur non essendo la stessa cosa, come i più sostengono, e si proiettano in una situazione politica generale differente. Giustizia e Libertà si costituiva quando il fascismo era all’apogeo del suo trionfo, mentre il Partito d’Azione si organizzava quando il fascismo cominciava la parabola discendente.
Molte cose occorrerà ancora chiarire, per vedere quali erano i limiti di Giustizia e Libertà e del Partito d’Azione, per spiegarne la scomparsa dalla scena politica, dopo aver scritto una pagina che è fra le massime della democrazia italiana moderna, ed essere stati fra i fattori più determinanti e decisivi della lotta politica culminata nella Resistenza. E voi a Torino e nel Piemonte ne avete una larga testimonianza. Per il problema istituzionale, poi, mi permetto affermare che, senza questa decisa e pregiudiziale istanza repubblicana, che noi demmo fin dall’inizio del movimento rivoluzionario, non si sarebbe arrivati alla repubblica. Ma tutti questi chiarimenti io li vado elaborando e spero prossimamente potrà uscire un mio lavoro, editore Einaudi, precisamente su Giustizia e Libertà e il Partito d’Azione.
Come vedete, un uomo politico profitta sempre di una grande assemblea come questa, per farsi pubblicità.
Emilio Lussu


[Fonte: Aa.Vv., Dall’antifascismo alla Resistenza. Trent’anni di storia italiana (1915-1945). Lezioni con testimonianze presentate da Franco Antonicelli, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1973, pp. 173-177]

le epurazioni

Con l’entrata in vigore delle Leggi razziali, si applicano anche le epurazioni di personalità ebree che ricoprivano incarichi pubblici e non, dall’esercito alla scuola, dal Partito fascista alle banche. Qui un primo resoconto.

il “pietismo”

Chiunque replichi alla durezza delle leggi razziali prendendo le difese degli ebrei viene tacciato pubblicamente di “pietismo”. Non solo: l’accusa di pietismo può costare un anno di confino, come accaduto a un avvocato che ha pronunciato un’elogio funebre di un collega ebreo.

In questo trafiletto si leggono altre notizie riguardo l’esclusione dall’università degli studenti ebrei, e persino la segregazione, a quanto pare non applicata, rivolta ai bagnanti ebrei nel Lido di Venezia.

le case editrici

Anche le case editrici devono adeguarsi alle leggi razziali, pena la revoca del permesso di pubblicazione, qualora presiedute da ebrei; inoltre, anche per tutti i loro autori va verificata l’arianità.

“Giustizia e libertà” divulga una lettera ricevuta dagli editori ebrei:

la resistenza alle leggi razziali

Ciò che ovviamente non traspare sulla stampa diffusa in Italia trova spazio nelle pagine di “Giustizia e Libertà”. Riportiamo un trafiletti, uno che segnala l’insuccesso della campagna per l’affisione dei cartelli che indicano “Negozio ariano”, e in generale accenna a un’insofferenza italiana verso l’antisemitismo per legge.

Segnaliamo anche un articolo che, leggendo tra le righe di un articolo di Farinacci, componente del Gran Consiglio del Fascismo, che in un suo articolo svelerebbe l’esistenza di una componente fascista minoritaria e critica per certe posizioni del regime.

i suicidi

Una serie di tre sucidi eccellenti desta scalpore sulle pagine di “Giustizia e Libertà”. Sono quelli dell’editore Formiggini (29 novembre 1938), ebreo, che vedeva chiudersi su di se le maglie della repressione antisemita; del professor Pincherle (gennaio 1939), a Bologna; e del grand’ufficiale Jarach, banchiere a MIlano.